username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La Francia, in misura sempre maggiore, integra il suo esercito con gli elementi di colore del suo gigantesco impero e, dal punto di vista della razza, si va così rapidamente
egrizzando, che in verità si può parlare della nascita di uno stato africano sul suolo europeo. Se questa mescolanza continuasse per altri trecento anni, sparirebbero gli ultimi resti di sangue franco e si formerebbe un compatto stato africano-europeo che va dal Reno al Congo, popolato da una razza inferiore, figlia di un costante imbastardimento

 


3 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nunzio Campanelli il 30/09/2011 14:10
    Di fronte a certe teorie viene naturale deridere chi le ha formulate. Si pensa che solo un folle possa ragionare in questi termini. Eppure poco più di mezzo secolo fa c'erano milioni di persone pronte a sottoscriverle, insieme alle altre indegne porcherie uscite dalla bocca del pazzo di Berlino. Quante ce ne sono ancora oggi, nascoste dietro paraventi rispettabili ma pronte ad uscire allo scoperto non appena si presenterà loro un nuovo pazzoide. Questa la domanda.
  • il 13/04/2010 08:44
    Verrebbe superato, prima del traguardo, anche dagli atleti della gara partita dopo...
  • il 02/03/2010 12:00
    Ecco, io hitler lo vedrei bene sui blocchi di partenza di una gara di corsa sui centometri piani, in mezzo agli atleti di colore. Esprimerebbe i suoi principi declamandoli da un esile corpo bianchiccio, che odora di gallina bagnata, infilato dentro una canotta nera e dei calzoncini, neri e larghi, di seta lussuosa.