username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Viene sempre il momento in cui bisogna scegliere fra la contemplazione e l'azione. Ciò si chiama diventare un uomo

 


10 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • massimo vaj il 05/06/2014 11:34
    L'agire è inferiore al contemplare, perché l'azione senza che si preceduta dalla contemplazione è soltanto vana agitazione. Lo capirebbe anche un bambino.
  • massimo vaj il 10/05/2014 17:32
    No, un uomo non lo si diventa solo perché si sceglie di agire prima di sapere perché si agisce, né per aver sbagliato a decidere di agire dopo una contemplazione sbagliata. Si diventa uomini quando si impara che il sacrificio di sé è superiore al sacrificare gli altri, e si riesce a mettere in atto questo aver appreso.
  • Tinelli Tiziano il 03/11/2012 14:28
    Sottoscrivo con convinzione.
  • il 15/08/2012 18:24
    Condivido, perfettamente. La Persona Umana diventa Uomo solo quando scatta l'operatività.
  • cristiano comelli il 12/06/2012 17:52
    C'è un momento per agire e uno per contemplare, perchè scegliere di netto solo una delle due strade?
  • Sandra Checcarelli il 22/11/2011 09:43
    forse è vero... ma anche la contemplazione ci aiuta a riflettere su di noi e su gli altri e forse a diventare più consapevoli di quello che ci circonda
  • Donato Delfin8 il 21/02/2011 20:59
    Ah bè c'è anche guardare e non toccare
    proprio quando si diventa uomini
  • il 14/02/2011 15:47


    Suz
  • Giuseppe Formica il 09/10/2010 17:31
    Una frase che mi ha riportato indietro di tanti anni, e mi sta infondendo fiducia sull'avvenire di una persona a me cara.
  • Andrea Arvati il 09/03/2010 15:08
    quanto la sento maledettamente vera e autobiografica!