username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La principale fonte dei conflitti odierni tra le sfere della religione e della scienza sta tutta in questa idea di un Dio personale. [...] Nella lotta per il bene morale, i maestri della religione debbono avere la capacità di rinunciare alla dottrina d'un Dio personale, vale a dire rinunciare alla fonte della paura e della speranza, che nel passato ha garantito ai preti un potere così ampio

 


4 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • il 28/05/2011 11:22
    stavolta c'ha preso in pienone!
  • il 06/06/2010 11:08
    La chiesa nei secoli, ha distrutto la dignita di milioni di uomini cercando di cancellarne tutto il potenziale di libertà e creatività intellettuale...
  • Giorgia Spurio il 23/04/2010 17:38
    da sempre... gli uomini.. preti o re... hanno usato la religione come la più potente arma... approfittando del timore delle persone... la religione è stata da sempre l'arma con la quale poter avere il controllo delle menti.
  • il 28/02/2010 20:06
    La questione deve essere affrontata in termini diversi, perché l'Assoluto che gli umani chiamano in mille modi è assoluto, quindi oltre sia l'individuale che l'universale. Così che ci dev'essere anche la possibilità di avere un'immagine personalizzata di Dio a patto che questo non faccia dimenticare che è solo un'immagine arbitraria che deve poter rientrare nella totalità che è oltre l'immagine. Errato è attribuire responsabilità alle religioni prima che agli uomini che dicono di rappresentarle.