username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Frasi di Alberto Moravia

Ti piace Alberto Moravia?  


Pagine: 123

La storia dell'umanità non è che un lungo sbadiglio di noia



Vedi, non c'è coraggio e non c'è paura... ci sono soltanto coscienza e incoscienza... la coscienza è paura, l'incoscienza è coraggio

   6 commenti     di: Alberto Moravia


L'invidia è come una palla di gomma che più la spingi sotto e più ti torna a galla e non c'è verso di ricacciarla nel fondo

   8 commenti     di: Alberto Moravia


Si serviva del sesso per capire il mondo, per questo la sessualità per lui non era mai distruttrice al contrario che per Pasolini. Anche se i rapporti tra amanti sono difficili, secondo Moravia non distruggono le loro identità

   2 commenti     di: Alberto Moravia


Soprattutto quando ero bambino, la noia assumeva forme del tutto oscure a me stesso e agli altri, che io ero incapace di spiegare e che gli altri, nel caso di mia madre, attribuivano a disturbi della salute o altri simili cause

   2 commenti     di: Alberto Moravia


La comicità implica l'esperienza indispensabile della serietà, mentre la serietà non implica affatto l'esperienza della comicità.

   4 commenti     di: Alberto Moravia


Anima è quello che appartiene a tutti e a nessuno. Anima è amore. Anima è idea. Anima è libertà. Anima è Dio

   5 commenti     di: Alberto Moravia


Un male incerto provoca inquietudine, perché, in fondo, si spera fino all'ultimo che non sia vero; ma un male sicuro, invece, infonde per qualche tempo una squallida tranquillità

   4 commenti     di: Alberto Moravia


Le donne sono come i camaleonti, che dove si posano prendono il colore

   4 commenti     di: Alberto Moravia


Le esperienze che contano sono spesso quelle che non avremmo mai voluto fare, non quelle che decidiamo noi di fare

   8 commenti     di: Alberto Moravia




Pagine: 123

Frasi Alberto Moravia (nome reale Alberto Pincherle, 1907 1990) è stato uno scrittore italiano, fra i principali autori della letturatura italiana del XX secolo. Nelle sue opere frequenti sono i temi della sessualità, dell'esistenzialismo e dell'alienazione moderna. Fu compagno di Dacia Maraini.
Nella sua vasta pubblicazione, si ricordano Gli indifferenti, Racconti romani, La vita interiore.