username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Se una cosa vende molto, vale poco. L'adesione irrazionale a un principio del genere è probabilmente uno dei peccati capitali di ogni grande civiltà nella propria fase di decadenza

 


9 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • massimo vaj il 07/05/2014 15:33
    Baricco vende molto, e non si vede perché non dovrebbe anche dire che la quantità porta sempre con sé anche la qualità... Un altro pallone gonfiato...
  • il 14/03/2011 02:52
    Solitamente, nella massa, prevale l'idea che se una cosa vende molto, vale tanto.
  • Donato Delfin8 il 10/03/2011 01:04
    Ah bè forse c'è chi confonde la musica "commerciale" costruita per arrivare a tutti con quella che piace a tutti perché semplice ed immediata.
    Se acquisto c'è un valore/prezzo che è dato dal mercato ecc. ecc.
  • YURI STORAI il 03/03/2011 03:16
    che sia uno dei peccati di ogni grande civiltà nella propria decadenza, non credo.
    credo però che sia verissimo il fatto che l'adesione a tale principio sia sbagliata.
  • il 03/03/2011 01:54
    un po' troppo semplicistico come concetto. Dipende che cosa si intende per valore. Ad esempio il libro di Costantino Vitagliano ha venduto molte copie ma vale proprio poco. Quindi in questo caso è il contrario. È il fatto che si venda molto di cose che valgono poco il problema!
  • il 16/02/2011 19:18
  • il 19/07/2010 21:31
  • il 14/04/2010 13:57
    C'è anche il caso speciale rappresentato dalle sacre scritture dei popoli del pianeta, possedute da molti e lette dai tanti che le vogliono interpretare sottomettendole ai propri fini personali.
  • il 14/04/2010 13:54
    Se una cosa vende molto è perché piace a molti, e il piacere a molti indica che non esprime verità che dispiacciono ai molti. Questo si può dire senza timore di sbagliare. Vero è che non sono poche le cose che vendono molto per il prestigio che hanno, ma queste opere seguono il destino della Divina Commedia, e si sbriciolano sugli scaffali dell'indifferenza che si accontenta di ornare un locale.