username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La soddisfazione dell'istinto sessuale è in sé assolutamente riprovevole, in quanto è la più forte affermazione della vita. Ciò vale sia nel matrimonio che al di fuori di esso. Ma il secondo caso è doppiamente riprovevole, in quanto è al tempo stesso negazione dell'altrui volontà: alla ragazza infatti ne deriverà direttamente o indirettamente sventura; e l'uomo dunque soddisfa la sua voglia a spese della felicità di altri.

 


7 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • patrizia chini il 03/03/2012 02:22
    credo che il buon Arthur distinguesse la soddisfazione solo dell'uomo, da un rapporto tra pari come lo è oggi... o almeno voglio sperare
  • Donato Delfin8 il 18/09/2011 13:15
    Ah bè Artù mappate capisco il tuo pessimismo eh bè
  • Raffaele Arena il 17/09/2011 02:23
    O Arturo, ma che cosa dici? Se lei e' consenziente, il piacere e' doppio. Ma come eri ridotto?
  • ELISA DURANTE il 24/08/2011 21:02
    Insomma, questo tapino copulava come se si trattasse di andare al gabinetto... Per forza poi era pessimista...
  • il 27/06/2011 01:56
    Non saprei cosa dire visto che non sono mai stato con una ragazza ed anche e soprattutto perché certe cose del mondo femminile rimangono inconcepibili per me. Pero, tuttavia, dai miei rapporti sessuali con persone del mio stesso sesso ho potuto sentire e capire "la differenza tra fare sesso e fare l'amore" e credo che ciò di positivo e negativo che ho constatato, valga anche per le donne.
  • Francesca La Torre il 11/06/2010 08:53
    sono una donna e condivido in pieno questa affermazione, nonostante la parita' dei sessi, le donne non sono mai all'altezza della soddisfazione fine a se stessa raggiunta dall'uomo nell'atto sessuale.
  • il 11/04/2010 10:12
    Sei un tenerone Arthur, e un'ottima persona, molto intelligente, anche se la vita non ti si è rivelata che per i suoi aspetti difficili da guardare e da vivere. Ma ti voglio bene come se ti avessi conosciuto in una scampata sventura.