username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Quando pensiamo con orrore alla morte, la consolazione più sicura ed efficace che ci è data è sapere che essa ha almeno questo di buono, che è la fine della vita.

 


13 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alèd il 09/06/2012 15:35
    ... non voglio che la vita finisca... tutto qui quello che si è vissuto?
  • il 23/05/2012 15:08
    Quando apri bocca, caro Arturo, mi si allarga il cuore; Danke!..
  • A. A. il 31/12/2011 01:34
    Io non la considero la fine della vita. Ma un mezzo per arrivare al suo inizio.
  • Michele Sarrica il 10/06/2011 23:27
    Credo proprio che per questa semplice ma veritiera considerazione non si possa trovare consolazione nel pensiero che la morte sia la fine della vita, ma, bensì, la fine della "nostra" vita! E non è poco!...
  • Francesca La Torre il 26/11/2010 08:39
    Pessimista, senza via d'uscita! Esagerato! Un po' di luce fa bene al cuore.
  • il 17/11/2010 13:57
  • Donato Delfin8 il 19/08/2010 19:06
    Ah bè nessun problema Giovanni...
    farebbero di sicuro una nuova legge finanziaria universale che si va in pensione almeno
    a 2 milioni di anni... ma secondo me diranno.. questo sarà il bonus per la prossima vita
  • Giovanni Di Girolamo il 19/08/2010 15:21
  • Tim Adrian Reed il 05/06/2010 19:38
    Riformulo a modo mio... quando penso con orrore alla morte, mi consolo pensando che alla fine sarà tutto finito. Se un anno fa ho tremendamente faticato, oggi non sento il dolore. Se la morte sarà orribile e dolorosa, una volta sopraggiunta non conterà quanto sia stata sofferta.
    Tornando al senso che ne ha voluto dare Schopenhauer, non so, io sono piuttosto attaccato a questa vita.
  • Donato Delfin8 il 14/04/2010 22:48
    unica nota negativa è orrore!
  • il 14/04/2010 22:34
    Perfettamente d'accordo con te, Massimo. Tuttavia può succedere di odiare la vita, per poi cambiare idea; come può avvenire il contrario. Dopotutto si vive attimo dopo attimo; e vai a sapere come va a finire
  • il 01/04/2010 12:04
    Chi rifiuta di attribuire alla vita la magnificenza, e la considera solo nella sua indiscutibile accezione negativa di sofferenza, non vuole valutare la realtà attraverso il fine superiore per il quale la realtà esiste e vive.
  • il 01/04/2010 11:57
    Questa affermazione lascia intendere che Shopenhauer non ha amato una donna che lo ricambiava con lo stesso amore. È con dispiacere per lui che lo noto, perché nonostante non sia stato uomo di conoscenza spirituale la sua intelligenza individuale e la sua personalità sono state rilevanti e inconsuete.