username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

I pensieri messi per iscritto non sono nulla di più che la traccia di un viandante nella sabbia: si vede bene che strada ha preso, ma per sapere che cosa ha visto durante il cammino bisogna far uso dei suoi occhi.

 


6 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Donato Delfin8 il 26/05/2011 21:08
    già lascia il segno in quadratura con la realtà senza cataratta!
  • rosaria esposito il 19/05/2011 21:31
    bravo Artù... bravo..
  • paolo veronesi il 11/03/2011 20:53
    oltre che dei suoi occhi bisogna saper far uso dei suoi sogni
  • Terry Di Vetta il 11/03/2011 11:37
    Solo colui che scrive è il depositario delle sue emozioni profonde che hanno scaturito un pensiero, una poesia. Chi legge non potrà mai arrivare al vibrare di quelle corde musicali che l'hanno ispirata.
  • Donato Delfin8 il 28/08/2010 17:16
    Ah bè Artù ... in linea di massima ok lasci il segno... ops l'orma...
    ma dipende... ed in riva al mare... o tra le dune in piena tempesta?
  • Giusy Grasso il 25/08/2010 22:18
    Chi ama la poesia, ha un certo allenamento nel cogliere le sfumature, in un certo senso, prende in prestito gli occhi del poeta ma poi, filtra il tutto con i propri organi di senso e, col proprio intimo sentire.