username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Non sono mai nato, non mi vergogno di essere nell'equivoco italiota, non mi interessano gli italiani. Qualunque governo come qualunque arte - o tutta l'arte borghese - tutta l'arte è rappresentazione di Stato, è statale. È uno stato che si assiste fin troppo, se no alla mediocrità chi ci pensa? La mediocrità, par excellence, è proprio lo Stato. Lo Stato dovrebbe smetterla di governare, ecco. Si può dare uno Stato senza governo, mi spiego? Non deve amministrare, deve lasciarlo fare a dei privati.

 


6 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Janco B. il 06/09/2011 23:41
    I deliri del C. B. erano zeppi di inesattezze, ma in quanto deliri contenevano comunque un interessante accompagnamento di fondo. A patto di non incaponirsi a cercare il senso compiuto. Quello che vedo qua è un'opinabile moralizzazione delle attitudini, come dire che la propensione organizzativa è merda e la creatività è oro. Non è vero neanche il contrario. Il gioco è infantile sebbene affascinante.
  • il 22/02/2011 18:12
  • Virginio Giovagnoli il 25/01/2011 13:13
    Altri ho sentito dire di vergognarsi dell'Italianità, chi vi trattiene, la terra è grande.
    Siamo rappresentati male, è vero. Non abbiamo bravi politici. Lasciare tutto in mano ai privati. Siamo stati ripuliti dai privati, si sono mangiati tutto.
  • giuliano paolini il 18/07/2010 11:26
    i privati di che carne sono fatti?
  • Ettorina Gerbelli il 28/06/2010 17:17
    Forse ilo p'ensiero di Carmelo Bene non è sbagliato, ma onestamente mi crea un po di confusione.
  • il 27/03/2010 21:24