PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Frasi di Elias Canetti

Ti piace Elias Canetti?  


Pagine: 1234... ultima

Il primo e decisivo contrassegno del potente è il suo diritto di vita e di morte. I potenti della terra sono però svantaggiati al confronto di Dio. Come ogni altra cosa, il potere porta in sé la propria fine

   2 commenti     di: Elias Canetti


Gli uomini fuggono da chi dice sempre le stesse cose. Ma se uno le dice con sufficiente arroganza, da costui si lasciano dominare

   7 commenti     di: Elias Canetti


Quello è intelligente come un giornale. Sa tutto. Ciò che sa cambia ogni giorno

   2 commenti     di: Elias Canetti


Se solo avesse letto di più, non saprebbe veramente nulla. Comunque, quel poco di sapere che trae fiducia dalle sue lacune è ingannevole e pericoloso

   2 commenti     di: Elias Canetti


Ci sarebbe da domandarsi che cosa sa fare uno che non è pronto ad arrischiare senz'altro tutto quello che sa fare in vista di qualcosa di meglio

   4 commenti     di: Elias Canetti


Come tutto suona convincente, purché se ne sappia poco!

   2 commenti     di: Elias Canetti


La muta è un gruppo di uomini eccitati, il cui desiderio più intenso è essere di più

   1 commenti     di: Elias Canetti


Ognuno vuole amici potenti. Ma loro ne vogliono di più potenti

   5 commenti     di: Elias Canetti


Impara a memoria intere città prima di vederle. Ama i nomi delle strade che ancora non conosce. Essi appaiono nei suoi sogni, i nomi sono sempre più vivi dei luoghi che designano

   1 commenti     di: Elias Canetti


La cosa spaventosa nei sentimenti di colpa: che neanche essi sono giusti

   3 commenti     di: Elias Canetti




Pagine: 1234... ultima

Elias Canetti e' stato uno dei più grandi scrittori del Novecento. Nato nel 1905 da genitori ebrei a Rustschuck, in Bulgaria, dopo varie peregrinazioni per l'Europa al seguito della sua famiglia, si stabilì a Vienna, dove si laureò in chimica. Non esercitò mai, ma si dedicò interamente alla letteratura. Dopo l'annessione dell'Austria alla Germania nazista si trasferì a Londra. Il successo internazionale gli giunse grazie al primo volume della sua autobiografia, La lingua salvata (1977). Nel 1981 fu insignito del premio Nobel per la letteratura. Tra le altre sue opere: Auto da fé, Il frutto del fuoco, Il gioco degli specchi, i racconti Le voci di Marrakech e i saggi Massa e potere, La coscienza delle parole, Il cuore segreto dell'orologio, La tortura delle mosche. Muore a Zurigo nel 1994.