username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La parola e il silenzio. Ci si sente più al sicuro vicino a un pazzo che parla, che a un pazzo incapace di aprire bocca

 


9 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • massimo vaj il 22/05/2014 16:09
    Per forza, perché dalle parole si può sperare di intuire le sue intenzioni. Cioran di solito straparla, e per dire qualcosa di sensato deve rifugiarsi nelle verità scontate.
  • ELISA DURANTE il 01/08/2011 18:35
    Due casi psichiatrici... difficile dire come ci si comporterebbe incontrandoli...
  • Michele Prenna il 24/01/2011 18:07
    Temo molto di più l'uomo cosiddetto normale, silenzioso o loquace, da cui il male giunge tanto più doloroso quanto inatteso. Il pazzo di già ti mette in guardia per la sua diversità e spesso danneggia solo se stesso.
  • il 13/01/2011 02:48
    Conosco uno fuori di capoccia che non parla ed è tremendo...
  • il 10/08/2010 15:23
    In ogni caso, la parola da maggiori garanzie di comprensione anche se, a volte, grandi silenzi dicono di più di molte parole.
  • Maddalena Gatto il 12/07/2010 08:38
    Sì, forse sì, mentre tra i, cosiddetti, sani di mente non si sa mai
  • Andrea Arvati il 09/03/2010 03:47
    perchè l'espressione è empatia...
  • giancarlo milone il 28/01/2010 17:06
    il pazzo che parla spiega la sua pazzia, il silenzio è più complesso, abb logico
  • il 09/01/2010 10:53
    Vero almeno sai cosa pensa in quel momento... pronto a darti alla fuga!!!!