username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'accusa verso di me è sempre stata la stessa: Biagi è un comunista. Forse deluderò qualcuno e qualcuno, invece, sarà felice: non sono mai stato comunista, sono solo un vecchio socialista In fin dei conti questa accusa cosa voleva dire? Che mangiavo i bambini? Ed è incredibile che quell'accusa mi abbia accompagnato fino a ottantadue anni, quando ancora una volta, ho pagato per le mie idee. [si riferisce all'editto bulgaro di Berlusconi]

 


4 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • alessandro mandelli il 28/09/2012 07:36
    caro Enzo, ti ricorderemo sempre come un attento e serio giornalista contemporaneo.
  • il 13/10/2010 09:31
    Ho sempre avuto profonda stima dell'uomo, prima che giornalista, Biagi. Uomo che ha avuto sempre di dire, in maniera garbata, quello che pensava. E profondo rispetto gli porto ancora oggi che non c'è più
  • il 23/07/2010 01:07
    Lo dico sempre. Biagi mi manca tanto
  • il 19/03/2010 12:14
    I comunisti, quelli sovietici, chiamavano qualsiasi oppositore, quand'anche fosse un comunista convinto ma non in sintonia con il Partito, "deviazionista borghese". Berlusconi e la sua banda chiamano qualsivoglia oppositore " comunista". Se ne deduce che il vero comunista in Italia sia proprio Silvio Berlusconi!