PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Frasi di Gabriel Garcia Marquez

Ti piace Gabriel Garcia Marquez?  


Pagine: 123

Erano le ultime cose che rimanevano di un passato il cui annichilamento non si consumava, perché continuava ad annichilarsi indefinitivamente, consumandosi dentro di sé stesso, terminandosi in ogni minuto ma senza terminare di terminarsi mai



Non immaginava che era più facile cominciare una guerra che finirla



Era convinta che le porte erano state inventate per chiuderle, e che la curiosità per quello che succedeva nella strada era cosa da donnacce



C'era una stella sola e limpida nel cielo color di rose, un battello lanciò un addio sconsolato, e sentii in gola il nodo gordiano di tutti gli amori che avrebbero potuto essere e non erano stati



La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla



Non morire senza aver provato la meraviglia di scopare con amore



Doveva insegnarle a pensare all'amore come a uno stato di grazia che non era un mezzo per nulla, bensì un'origine e un fine in sé



Non si muore quando si deve, ma quando si può



L'ebbrezza del potere cominciò a decomporsi in raffiche di disagio



Pensò confusamente, intrappolato alla fine nel morso della nostalgia, che forse se l'avesse sposata sarebbe stato un uomo senza guerra e senza gloria, un artigiano senza nome, un animale felice





Pagine: 123