username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Se si muore
è perchè si è soli
o si è entrati in un gioco troppo grande.

 


12 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 07/08/2014 16:32
    Nulla da aggiungere, solo un grosso abbraccio a un uomo di valore che un paese indegno, ubriaco e incivile non ha saputo difendere.
  • il 21/10/2012 07:48
    Noi tutti, al momento della morte, ci troviamo in compagnia di ciò che abbiamo vissuto.
  • il 21/10/2012 07:45
    L'aforisma mi era sembrato assurdo, poi ho letto la firma e mi è subito risultato tragicamente vero.
  • simona il 20/10/2012 18:22
    Giovanni Falcone Dice (e non diceva) la Verita'.
  • stelsamo il 20/10/2012 10:07
    Questa è certamente una frase legata alla particolare condizione in cui era costretto a vivere l'autore e che non si può di certo applicare alla totalità. Comunque, in quel particolare contesto egli aveva ragione. Perché se la massa si rendesse conto del proprio potenziale e della propria forza, sarebbe in grado di sconfiggere il male insito e radicato purtroppo nella società, ma poiché ciascuno di noi è preso nella quotidianità, dalle proprie preoccupazioni, chi resta da solo a combattere contro il male è destinato a morire da solo!
  • rescaldani franco il 20/10/2012 08:38
    IL gioco della Morte ha anche quello, l'essere talmente "evitati"
    da ritrovarsi Tu e la Morte, SOLI.
  • giuseppe gianpaolo casarini il 20/10/2012 07:54
    IN QUEL SUO PARTICOLARE CONTESTO CERTAMENTE VERO... COME OCCORSO!
  • augusta il 20/10/2012 07:37
    al di la.. della storia di.. falcone... si muore cmq soli...
  • John Barleycorn il 20/10/2012 06:31
    È una frase contestuale.
    Chi non conoscesse Falcone non ne capirebbe il senso...
  • ELISA DURANTE il 08/08/2011 07:31
    O in una trappola mortale...
  • il 08/03/2010 17:53
    Si muore perché ci hanno lasciati soli, in un gioco troppo grande, dove il tutto è il suo contrario. Non sai più di chi fidarti, a chi affidare la tua esistenza. Non è una questione di divise da riconoscere ma di uomini facenti parte l'umanità, con tutti i risvolti che ciò comporta.
  • giancarlo milone il 07/08/2009 16:31
    una triste verità, convermata dalla sua storia personale