username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Non considero le macchine che portano il mio nome semplicemente delle macchine. Se non fossero che quello, mi sarei occupato d'altro. Per me sono la concreta realizzazione di una teoria che mira a fare di questo mondo un posto migliore per gli uomini.

 


6 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • mario durante il 24/08/2011 15:52
    Se non vi fosse del filantropismo nella mente dell'uomo, non vi sarebbe progresso.
    Il perseguire la ricchezza con onestà, non è un reato.
  • rosaria esposito il 28/04/2011 21:53
    soprattutto per un uomo che si chiamava: Henry Ford.
  • Donato Delfin8 il 28/04/2011 00:11
    eh bè .. una macchina che fa soldi zi zi
  • Rovena Bocci il 16/04/2011 15:09
    "Un auto per tutti, purchè nera." Le prime, venivano costruite per essere mezzo di locomozione, prima di tutto, per muoversi, muovere il mondo. Il colore veniva ovviamente, in secondo piano.
    L'idea Ford era: dare un mezzo per muoversi alla maggior parte della gente.
    Tutto quì.
    Vi sembra poco?
  • il 22/03/2010 10:33
    Manco avesse costruito macchine ospedaliere... Comunque, tra gli industriali, Il signor Ford è stato sicuramente il meno egoista. Pagava i suoi operai più di tutti gli altri, ma lo faceva, disse lui stesso, per consentire loro di comprarsi a rate le vetture che altrimenti non avrebbero avuto un mercato che potesse esaurirle. Intelligente più che buono.