username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'Illuminismo è dunque l'uscita dell'uomo dallo stato di minorità che egli deve imputare a se stesso. Minorità è l'incapacità di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro, Imputabile a se stesso è questa minorità, se la causa di essa non dipende da difetto d'intelligenza, ma dalla mancanza di decisione e del coraggio di far uso del proprio intelletto senza essere guidati da un altro. Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza! È questo il motto dell'Illuminismo.

 


1 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • francesco il 24/01/2014 17:51
    Occhio a non fraintendere intelligenza!
    Kant per intelletto non intende particolari capacità logiche. Lui distingue intelletto e ragione: quest'ultima trascende la logica scientifica, utile per la matematica e la fisica come le intende, spingendosi al di là dell'"esperienza", fondamento delle scienze empiriche su cui si basano le verità di ragione (ciò che deve essere per forza vero come una legge fisica): in altre parole, la ragione ci consente di attuare delle scelte morali ed è il minimo comune denominatore a tutti gli uomini. Non bisogna essere dei geni per vivere moralmente bene!!