username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Frasi di Indro Montanelli

Ti piace Indro Montanelli?  


Pagine: 12345

[Silvio Berlusconi] Il macigno che paralizza la politica italiana



Il fascismo privilegiava i somari in divisa. La democrazia privilegia quelli in tuta. In Italia, i regimi politici passano. I somari restano. Trionfanti



I nostri uomini politici non fanno che chiederci, a ogni scadenza di legislatura, un atto di fiducia. Ma qui la fiducia non basta; ci vuole l'atto di fede



È il bugiardo più sincero che ci sia, è il primo a credere alle proprie menzogne. È questo che lo rende così pericoloso. Non ha nessun pudore. Berlusconi non delude mai: quando ti aspetti che dica una scempiaggine, la dice. Ha l'allergia alla verità, una voluttuaria e voluttuosa propensione alle menzogne. "Chiagne e fotte", dicono a Napoli dei tipi come lui. E si prepara a farlo per cinque anni.



Il più autorevole giornale americano di economia e finanza, il Wall Street Journal di martedì 10 gennaio, è incorso in un curioso lapsus. Parlando del concordato fra lo Stato italiano e la Santa Sede, scrive che esso venne firmato nel 1929 da Bettino Mussolini. Chissà, se lo legge, come si arrabbia Benito Craxi



In Italia si può cambiare soltanto la Costituzione. Il resto rimane com'è



Dobbiamo avere la modestia di riconoscere che noi, come venditori, non leghiamo nemmeno le scarpe a un piazzista che se un giorno si mettesse a produrre vasi da notte, farebbe scappare la voglia di urinare a tutta l'Italia



La guerra l'abbiamo persa tutti e c'è un conto da pagare. Che l'Italia lo saldi a spese dei suoi figli minori - i Dalmati e gli Istriani - è un ghigno del destino. Gli Istriani non hanno mai fatto del vittimismo. Incapaci di rassegnarsi, hanno portato la loro tragedia con silenziosa dignità. Siamo tutti Istriani



Pertini ha interpretato al meglio il peggio degli italiani



In nessuna epoca, in nessun Paese c'è mai stato un intellettuale più moderno di Voltaire. Seguita ad esserlo, vecchio di due secoli. Non si può pensare in modo più libero di lui. Non si può scrivere in modo più penetrante di lui. Fu, e rimane, il maestro per antonomasia





Pagine: 12345