PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quando finalmente riconobbi l'artiglio che mi comprimeva la gola e riuscii a dargli il nome che ha nel vocabolario, mi sentii sprofondare in una palude. Gelosia. Chi non l'ha provata non può sapere quanto male faccia nè immaginare quali pazzie si possano commettere in suo nome.

 


0 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati