username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

frasi di Lorenzo Jovanotti Cherubini

Ti piace Lorenzo Jovanotti Cherubini? Fallo sapere ai tuoi amici
 


Pagine: 1234

La terra vista dallo spazio è una palla azzurra e silenziosa ma se ci vivi ti rendi conto che è tutta un'altra cosa!





Viviamo comodi dentro alle nostre virgolette ma il mondo è molto più grande, più grande di così '



Tra i miei antenati più illustri c'è un tale Caino, fondò la prima città e fu il primo assassino. Una domanda insanguinava il suo cuore e cervello perché quella mattina Dio preferì mio fratello? Ma nei giorni più cupi, nei momenti più bui, lui sentiva che invece il più amato era lui e come segno di amore gli era stato concesso il dolore e la colpa per il male commesso



Tra il niente e l'abbastanza c'è il troppo e il troppo poco, c'è l'acqua, l'acqua, il fuoco, il fuoco; tra il tutto e il non mi basta c'è che non sono Dio però chi sta cantando sono io



E le miei mani hanno applaudito il mondo perché il mondo è il posto dove ho visto te



Canto l'altissimo immenso amore perché l'amore è una cosa eccezionale senza l'amore non c'è niente da fare auguro a tutti di poterlo provare



Gli occhi non sanno vedere quello che il cuore vede. La mente non può sapere quello che il cuore sa. L'orecchio non può sentire quello che il cuore sente. Le mani non sanno dare quello che il cuore da



Il nemico si nasconde si mimetizza tra le pieghe della coscienza
la sua violenza è subdola il suo passo di gatto
difficile davvero coglierlo sul fatto
il nemico è tra noi è dentro di noi
per farlo fuori occorre rinunciare ad una parte di noi stessi
se un tempo era più facile lottare contro ciò che non andava
perché il nemico una faccia ce l'aveva
una voce, una bandiera
sapevi dove andare a prenderlo in giro la sera
aveva nomi e facce, ma non è più
così adesso non si vede ma lui è ancora lì più forte che mai
e sotto sotto spinge col suo dai e dai
e ha stipulato un patto con le coscienze addormentate
nella pubblicità di una realtà falsificata
a migliaia di chilometri di distanza da questa
stanza uomini e bambini schiavizzati, sottopagati
diritti rubati derubati dell'infanzia in qualche capannone dell'estremo oriente
lavorano e producono le griffes dell'occidente



So che è successo già, che altri già si amarono, non è una novità, ma questo nostro amore è come musica, che non potrà finire mai



La mia è sempre di più la lingua dei viaggiatori e chi decide di ascoltarmi deve sapere che io sono uno che racconta mondi che ha visto e mondi che vuole vedere, e che non conosco a fondo la lingua del posto, la lingua degli stanziali, strimpello strumenti e parlo male diverse lingue e di volta in volta ho bisogno di musicisti e di interpreti per metter su le tende nel luogo e restare finché non mi riprende il senso di irrequietezza che mi porta a fare di nuovo i bagagli e partire



C'è il cartello strada senza uscita e non si può continuare l'asfalto diventa campagna la campagna diventa montagna la montagna è piena di insidie la città è piena di invidie



Ho letto che un brevetto di una medicina vale più della vita di una bambina posso capire che così si salvaguarda il lavoro: vorrei vedre fosse figlia loro!



E c'è una terra di mezzo tra il torto e la ragione, la maggior parte del mondo la puoi trovare là



Si nasce senza esperienza, si muore senza assuefazione



L'evoluzione passa attraverso porte strette e poi chi sa se sono le porte giuste? Probabilmente sono le uniche



A te che sei, semplicemente, sei sostanza dei giorni miei



La notte è più bello, si vive meglio, per chi fino alle 5 non conosce sbadiglio



L'abitudine sai è il peggiore dei guai si diventa come due vecchi comici che non ridono più che non inventano più che sono lì a rassicurare il pubblico



Fatto non fui a viver come bruto fatto non fui in luogo sconosciuto



Non tutto quel che brucia si consuma





Pagine: 1234

frasi Jovanotti è il nome d'arte di Lorenzo Cherubini (1966), un cantautore italiano.
Divenuto famoso negli anni '80 con il genere del rap, Lorenzo Jovanotti si apre poi alla "world music".
Il cambiamento musicale è seguito da un altrettanto significativa maturazione dei testi che assumono connotazioni politiche, filosofiche, pacifiste e religiose.