username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

frasi di Luciano Ligabue

Ti piace Luciano Ligabue? Fallo sapere ai tuoi amici
 

PoesieRacconti non dispone ancora di note descrittive su Luciano Ligabue. Sei un appassionato di Luciano Ligabue? Contribuisci tu stesso inviandoci una nota biografica


Pagine: 123



Stabiliamo per sempre le corsie che ci mandano avanti, e prendiamo le multe tutti belli e cantanti.



E appoggiati a me che se ci dovesse andar male cadremo insieme e insieme sapremo cadere. E appoggiati a me con la pesantezza del cuore.



Ho messo via un po' di consigli, dicono è più facile, li ho messi via perchè a sbagliare sono bravissimo da me.



Ho perso le parole... vorrei che ti bastasse solo quello che ho...
Ho perso le parole, puo' darsi che abbia perso solo le mie bugie. Si son nascoste bene, forse pero', semplicemente non eran mie.



Protagonisti anonimi, si, ma interpretazione reale.



E abbiamo un ego da far vedere ad uno bravo davvero un bel po'.
E poi abbiamo chi ci da contro... ci vuol spiegare come si fa.



I duri hanno due cuori: col cuore buono amano un po' di più.
I duri hanno due cuori: col cuore guasto odiano sempre un po' di più



Dicono che i sogni sono tutti gratis, ma son quasi tutti quanti usati.



Finche' il polso cammina facciamo mattina tenendoci su coi sogni di rock'n'roll.



Che posto vuoto ce n'è stato, ce n'è, ce n'è sarà.



Se tutto va in fretta, sarò una saetta. E tu lo sarai insieme a me.
Peccato soltanto, che ci sarà il tempo in cui dovremo dire "adesso è meglio riposare".



Libera uscita, senza rincorsa. Libera scelta di dirlo noi.



Se per ogni sbaglio avessi mille lire che vecchiaia che passerei!



Cobra alla catena, poiane sempre sugli stessi rami, faine da corda, vampiri di mattina, camaleonti sempre troppo uguali... e amico, che ti piaccia o no, e' cosi': lo zoo e' qui.



Credo nel rumore di chi sa tacere, che quando smetti di sperare inizi un po' a morire.



Balla. Femmina come la terra. Femmina come la guerra. Femmina come la pace.
Femmina come la croce. Femmina come la voce. Femmina come sai. Femmina come puoi. Femmina come la sorte. Femmina come la morte. Femmina come la vita. Femmina come l'entrata. Femmina come l'uscita. Femmina come le carte. Femmina come sai. Femmina come puoi.



E le senti le vene piene di ciò che sei e ti attacchi alla vita che hai. Leggero è il mio vestito migliore. Senza andata ne ritorno. Senza destinazione.



Se un bel giorno passi di qua, lasciati amare e poi scordati svelta di me, che quel giorno è già buono per amare qualche d'un altro.



Tu che conosci il cielo saluta Dio per me, e digli che sto bene considerando che non conosco il cielo, però conosco te.





Pagine: 123

Libri di Luciano Ligabue

La neve se ne frega
 
commenti0

Fuori e dentro il borgo
 
commenti0