username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

frasi di Luciano Ligabue

Ti piace Luciano Ligabue? Fallo sapere ai tuoi amici
 

PoesieRacconti non dispone ancora di note descrittive su Luciano Ligabue. Sei un appassionato di Luciano Ligabue? Contribuisci tu stesso inviandoci una nota biografica


Pagine: 123

Da dove ti viene il meglio di chi sei?







Se tutto va in fretta, sarò una saetta. E tu lo sarai insieme a me.
Peccato soltanto, che ci sarà il tempo in cui dovremo dire "adesso è meglio riposare".



Ho perso le parole... vorrei che ti bastasse solo quello che ho...
Ho perso le parole, puo' darsi che abbia perso solo le mie bugie. Si son nascoste bene, forse pero', semplicemente non eran mie.



Cobra alla catena, poiane sempre sugli stessi rami, faine da corda, vampiri di mattina, camaleonti sempre troppo uguali... e amico, che ti piaccia o no, e' cosi': lo zoo e' qui.



Ho messo via un po' di consigli, dicono è più facile, li ho messi via perchè a sbagliare sono bravissimo da me.



Stabiliamo per sempre le corsie che ci mandano avanti, e prendiamo le multe tutti belli e cantanti.



I duri hanno due cuori: col cuore buono amano un po' di più.
I duri hanno due cuori: col cuore guasto odiano sempre un po' di più



Dicono che il cielo ti fa stare in riga, che all'inferno si può far casino, mentre il purgatorio te lo devi proprio infliggere.



E appoggiati a me che se ci dovesse andar male cadremo insieme e insieme sapremo cadere. E appoggiati a me con la pesantezza del cuore.



Puo' darsi non sia tutto come lo sognavi tu. E, forse, sei rimasta senza principini blu.



Il gatto segna il territorio a suo modo che sia ben chiaro a qualsiasi altro felino,
a meno che sia un bestione violento ed assassino.





Vieni qua che ti faccio vedere dov'è il nostro pezzo di mondo.
Portati dietro un sorriso e un sospiro: li userai.



Non ha tempo ne voglia di pregare Dio perchè vuol contare soltanto sul suo dolore, su sei colpi e infine su di sè.



Abituato a morso e fuga mi sporco di fango catrame e di ruggine. L'istinto mi spinge a un sole che mi asciuga.



Porti addosso qualche segno... provero' a tirarteli via. Posso solo questo sogno scusa per la mia fantasia!
Giu' in platea sedie di legno, gole secche per la sete d'eroi: e Marlon Brando e' sempre lui!



Sul piano del piano bar ci son troppe poche mance e allora va avanti a suonare un pezzo buono per la pancia.



A chi decide di ammazzare il tempo e il tempo invece servirebbe vivo.
A chi sta in giro perché non ha scelta, perché comunque il sonno non arriva.
A quelli che ogni notte puoi giurarci son presenti.



Ti ho visto vergognarti di tua madre, fare a pezzi il tuo cognome sempre senza disturbare...





Pagine: 123

Libri di Luciano Ligabue

La neve se ne frega
 
commenti0

Fuori e dentro il borgo
 
commenti0