username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'unico tiranno che accetto in questo mondo è la «silenziosa piccola voce» dentro di me

 


13 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 15/04/2012 17:44
    Un saluto commosso a uno dei più grandi uomini che la storia abbia mai conosciuto e del quale dovremmo sempre portare l'impronta indelebile nel cuore.
  • il 06/03/2012 00:04
    e non si sbagliava nemmeno su questo.
  • il 26/12/2011 20:50
    Parole di una grande anima. Parole di uno che segue una forza invisibile e cambia la storia.
  • Maddalena Gatto il 01/08/2011 07:55
    L'unico e quasi sempre infallibile!
  • Donato Delfin8 il 06/04/2011 21:56
    d'accordissimissimo.
    l'unico possibile!
  • Bruno Briasco il 06/03/2011 10:01
    La voce della coscienza che non sbaglia mai!!! (poi ognuno da una propria definizione a quella piccola voce).
  • alberto accorsi il 02/06/2010 23:20
    Siamo a Kant naturalmente. Non capisco il pasticcio precedente sul particolare che non sempre può esser universale. Ovvviamente.
  • il 02/04/2010 22:03
    La voce interiore non è la coscienza. La coscienza è la forma individuale di quella voce universale. Ogni individuo attinge la propria aspirazione dalla fonte interiore spirituale, e la chiama creatività, ma l'ispirazione spirituale è altra realtà, perché non è individuale, ma è universale. Significa che conosce nell'immediatezza non relativa, mentre la coscienza conosce nella realtà relativa. L'individuale è figlia ed effetto dell'universale, ma per diventare universale deve essere qualificata, perché non si tratta di teoria mentale la conoscenza che dall'universale deriva. Coloro che vedono attraverso il loro centro non hanno più idee loro e ciò che conoscono lo conoscono nella certezza assoluta. Non c'è, per loro, alcun spazio per dubitare. La si potrebbe definire: La prigionia della Libertà. Costoro sono su una via difficile, perché inseguono una fiera che si rivolterà loro contro ogni tentennamento che avranno.
  • Adamo Musella il 02/04/2010 21:00
    Do ascolto a quella voce, l'anima mi suggerisce sempre parole che poi scrivo.
  • il 02/04/2010 20:01
    Un tiranno, per come lo intende Paolo, non ha mai la voce piccola. Gandhi definisce la voce interiore "piccola" perché nella sfera della manifestazione relativa della realtà la presenza spirituale è la cosa più piccola che c'è, ma si capovolge nella realtà più grande nella Realtà indivisa ed essenziale dello Spirito che è Mistero assoluto. A quella voce interiore noi dobbiamo sottometterci, ma solo dopo che riusciamo ad ascoltarla senza infilarci dentro il nostro profitto.
  • tania rybak il 08/03/2010 23:06
    il nostro tirano sono i nostri difetti
  • Sandrino Aquilani il 02/02/2010 10:29
    Grande per il suo tempo, ancor più grande per i nostri giorni.
  • paolo veronesi il 29/12/2009 21:41
    Io non accetto nemmeno la silenziosa piccola voce, qualsiasi forma di tirannia è contro la libertà