username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Se le notizie fanno paura, le parole che le raccontano ne fanno ancor di più. In fondo è la parola che si conficca nella memoria e aiuta a ricordare questo o quel fatto, richiamandolo come il sibilo agli ultrasuoni che fa scattare il cane. Così - l'abbiamo visto per la guerra e per la pace - le parole diventano più importanti dei fatti. Perché, giocando con le parole, si possono manipolare i fatti, e, alla fine della catena, tutta la memoria collettiva

 


7 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • il 22/07/2011 22:15
    Travaglio ha ragione, siamo una comunità di gente che sa giustificare tutto.
    Anche Sallusti.
    Il problema è che Sallusti fa meno schifo di Feltri e Ferrara ormai morirà con la sua carriera di vomito stupido che lo soffocherà...
    Bisogna pensare al domani senza scrivere quel che ho appena scritto.
  • il 04/04/2011 13:47
    Le parole che si utilizzano oggi per raccontare i fatti sono tra le più inappropriate possibili. Tuttavia credo che temeremmo molto più i fatti stessi a queste parole sbagliate.
  • Donato Delfin8 il 03/03/2011 00:15
    Ecco il punto.. la catena
  • il 01/03/2011 01:12
    Parole sante di un professionista che da anni fa queste cose
  • ignazio de michele il 09/09/2010 22:00
    verissimo, annozero docet
  • ciro la ferola il 18/08/2010 17:49
    Già... e però con la parola lo dici...
    forse vuoi manipolarmi anche tu? tu che agogni l'arma con cui agogni?
  • Pino Badalamenti il 14/08/2010 17:21
    Un esperto! Vere bugie e false verità, ho scritto un articolo su questo genere.