username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Le vittime della censura non sono soltanto i personaggi imbavagliati per evitare che parlino. Sono anche, e soprattutto, milioni di cittadini che non possono più sentire la loro voce per evitare che sappiano

 


9 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • clem ros il 15/09/2011 15:25
    Effettivamente l'estensione a noi poveri umani del concetto di bavaglioo mi conforta. Ma non sarebbe meglio istituire un ufficio apposito dove, se la metà + 1 degli italiani che hanno votano, firmano per mandare a casa gli "eletti" alla camera e al senato?
  • Artemisia artemisia il 20/04/2011 17:57
    Travaglio ha sempre ragione ed è apprezzabile
  • il 05/04/2011 14:29
  • il 23/02/2011 08:51
    Beh, per quanto mi riguarda ha ragione.
    Fino a quando anche la tv cosi' detta di stato, stupra i cittadini mandando in onda reportage falsi, allora la liberta' non ci sara' mai.
    Un conto è cercare di dare la giusta liberta' rispettando le leggi, un conto è fare le leggi a proprio favore e a discapito dei cittadini.
  • Luca Baritussio il 11/01/2011 13:02
    Chiunque pensi che qualunque cosa strutturato dalla società possa dare spazio alla voce della popolazione è un cittadino qualunque, e i cittadini qualunque non sono mai stati ricordati da nessuno.
    P. S.:Gianmarco Dosselli spero vivamente che tu stia scherzando, nulla di personale ma penso che tu abbia scritto una castroneria come poche nel mondo.
  • gustavo tempesta il 01/11/2010 00:55
    Ho scritto prima di leggere i precedenti commenti. Povero paese popolato da (masse).
  • gustavo tempesta il 01/11/2010 00:51
    Il bavaglio mediatico è usato da tutti i poteri. Sono in pochi quelli disposti a rompere il silenzio, si rischia anche di non essere capiti.
  • Pino Badalamenti il 13/08/2010 16:59
    Sempre catastrofico il Travaglio.
    Bisognerebbe fargli passare qualche tempo in uno di quei posti dove veramente c'è quella censura che lui denuncia qui, si accorgerebbe allora cosa significa vivere in un paese dove non puoi parlare.
  • Gianmarco Dosselli il 13/04/2010 11:54
    Oh! Oh! Oh! Ma che dici! C'è Facebook, il sito per "dare voce!". Travaglio, sveglia!