username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

frasi di Niccolò Machiavelli

Ti piace Niccolò Machiavelli? Fallo sapere ai tuoi amici
 

PoesieRacconti non dispone ancora di note descrittive su Niccolò Machiavelli. Sei un appassionato di Niccolò Machiavelli? Contribuisci tu stesso inviandoci una nota biografica


Pagine: 12

Meglio è vincere il nimico con la fame che col ferro, nella vittoria del quale può molto più la fortuna che la virtù





Dove men si sa, più si sospetta



A uno principe è necessario sapere bene usare la bestia e l'uomo



Muta partito, quando ti accorgi che il nimico l'abbia previsto



Quello che giova al nimico nuoce a te, e quel che giova a te nuoce al nimico



Più vale la virtù de' soldati che la moltitudine; più giova alcuna volta il sito che la virtù



La natura genera pochi uomini gagliardi; la industria e lo esercizio ne fa assai



E sanza quella occasione, la virtù dell'animo loro si sarebbe spenta, e sanza quella virtù la occasione sarebbe venuta invano



I soldati, quando dimorano alle stanze, si mantengano col timore e con la pena; poi, quando si conducono alla guerra, con la speranza e col premio



Agli accidenti subiti con difficultà si rimedia, a' pensati con facilità



La istoria è la maestra delle azioni nostre



Avvezza i tuoi soldati a spregiare il vivere delicato e il vestire lussurioso



È molto più sicuro essere temuti che amati.



Governare è far credere



Il disarmato ricco è premio del soldato povero



La natura de' populi è varia; ed è facile a persuadere loro una cosa, ma è difficile fermarli in quella persuasione



Ognuno vede quello che tu pari, pochi sentono quello che tu se'



Sono tanto semplici gli uomini, e tanto obediscano alle necessità presenti, che colui che inganna troverrà sempre chi si lascerà ingannare



I buoni capitani non vengono mai a giornata se la necessità non gli strigne o la occasione non gli chiama



Andando infinite anime di quelli miseri mortali - che nella disgrazia di Dio morivano - all'inferno, tutte o la maggior parte si dolevano non per altro che per aver preso moglie essersi a tanta infelicità condotte.





Pagine: 12