username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Per quasi otto anni ho fatto il corrispondente di guerra in Vietnam. Niente e così sia è il diario del primo anno che trascorsi laggiù. Quello che vide la battaglia di Dak To, l'offensiva del Tet, l'assedio di Saigon, e che per me si concluse altrove. Cioè nella strage di Città del Messico dove rimasi gravemente ferita. So che è stato definito un libro brutale, disperato, spietato. E forse lo è. Ma io volevo soltanto raccontare la guerra a chi non la conosce

 


4 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • il 25/07/2011 17:03
    Ho letto il libro tanti anni fa e mi sconvolse, ma raccontare le guerre a quanto pare non serve, visto che si continua a farle!
  • ELISA DURANTE il 13/07/2011 09:27
    È stato ed è uno dei libri che mi ha insegnato di più, che mi è entrato nel profondo.
  • il 22/02/2011 18:15
  • federica addabbo il 09/09/2010 15:15
    Penso che Oriana Fallaci sia una stata non solo una donna dal grande coraggio e determinazione ma una giornalista coerente e brillante dalla quale si può solo imparare.