username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il bambino che non gioca più
è diventato adulto,
ma l' adulto che non gioca più
ha perso per sempre
il bambino che aveva dentro di sè.

 


17 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • AGOSTINO il 30/01/2012 12:40
    forse per un tempo limitato, spesso perché prende coscienza della sua vetusta età
  • il 08/01/2012 15:51
    verissimo
  • Nunzio Campanelli il 29/10/2011 07:05
    Sì è proprio vero.
  • roberto caterina il 02/09/2011 11:19
    È certamente così... Ma si diventa poi mai adulti? Sono veramente poche le volte che lo siamo...
  • annamaria gabutto il 23/08/2011 23:17
    forse si raffaele, ma le vicessitudini a volte non ci lasciano mantener la gioia, purtroppo!!
  • Raffaele Arena il 22/08/2011 00:05
    equazione perfetta... che sia mantener la gioia di creare inventado ed emozionandosi per le piccole cose il segreto di restare per sempre bambini???
  • annamaria gabutto il 15/05/2011 02:53
    son daccordo anche io, però che tristezza!!! voglio tornar bambina!!!!
  • Donato Delfin8 il 07/04/2011 01:09
    d'accordissimo.
    zi zi ah bè
  • Bruno Briasco il 25/03/2011 20:04
    Tremendamente vero... per fortuna sono rimasto eternamente bambino... prima o poi crescerò...
  • il 24/03/2011 02:48
    Questo aforisma mi piace un casino!!! Mi fa pensare al mio nonnino materno... giocava con me come se fosse un mio coetaneo. Nonno Vincenzo, mi manchi da morire... boh mi sono acese le lacrimuccie!
  • il 14/11/2010 03:09
    È vero, in più a volte te lo fanno perdere...
  • andrea piumedoca il 15/08/2010 18:10
    A volte è la vita che ci costringe a non giocare più, bisogna prendersi le proprie responsabilità...
  • il 12/08/2010 16:30
    e se perdiamo il bambino in noi non abbiamo che la nostra povertà di intenti per vivere
  • il 01/08/2010 20:13
    Già, ma perdere il bambino che è in noi
  • il 23/03/2010 12:00
    È vero. Intorno a me vedo più che altro adulti seri, maligni, cattivi ed incarogniti. Hanno perso la freschezza e la spontaneità. Hanno perso la gioia di vivere, perchè non sanno più essere sè stessi, non sanno ascoltare la voce innocente del bambino che abitava, e forse ancora abita, dentro di loro.
  • il 14/02/2010 21:49
    ed è terribile perdere quel fanciullino che ci fa vivere che "impicciolisce per poter vedere, ingrandisce per poter ammirare"
  • Don Pompeo Mongiello il 10/12/2009 15:27
    Niente di più vero.