username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Un enorme parte degli italiani della classe dirigente sono moralmente degli atrofizzati: dei disperati che si riducono a servi e automi, o che cercano di salvarsi nell'ironia e nel cinismo. Purtroppo, gli italiani in genere, appunto perché affiorati da secoli di sottogoverno, si sono fatti un po' alla volta un tipo di intelligenza puramente analitica il cui aspetto esteriore e appariscente è la furberia e la vivacità.

 


7 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Luigi Lucantoni il 10/10/2011 00:23
    è la prova del fatto che i popoli si evolvono al di la del volore di coloro si fanno utopie in tal senso in un'epoca qualsiasi
  • Donato Delfin8 il 07/08/2011 19:05
    ah bè
    come diceva qualcuno... bisogna averne una
  • il 25/07/2011 16:06
    Credo che Pasolini(secondo la mia intrerpretazione)intendesse per intelligenza analitica, una pseudo intelligenza, che passa per tale, ma che è semplicemente furbizia e opportunismo. La vera intelligenza analitica è quella che analizza tutti gli aspetti in modo obiettivo, giungendo alla sintesi, non per il proprio tornaconto, ma per amore della verità.
  • Pasquale Martino il 24/07/2011 10:16
    Per esempio, se dovevo giudicare P. P. Pasolini per le poche volte che abbiamo parlato, (frequentava la mia zona a Roma) spesso in attesa di qualche suo pupillo si parlava, devo dire che allora non immaginavo tutta la sua grandezza di uomo pensatore e filosofo, per mia ignoranza certo, ma se dovevo soffermarmi a quanto si diceva e faceva di certo non potevo assecondarlo...(non amando quel tipo di contatto divenivo coriaceo) eppure gli fu fatale quella sua debolezza, quel suo vivere l'amore donandosi e donando all'altro... ho diversi ricordi di allora, della sua morte sono rimasto sconvolto... non ci fu mai chiarezza e forse non ci sarà... io penso che la fanta realtà è attuale ed attualizzata ed il virtuale sia oggi palestra e salotto di questa realtà...
    Di fatto era un uomo che dava fastidio a molti e per evitare che divenisse un esempio ed un guru da vivo, lo hanno fatto divenire un mito da morto!
  • Pasquale Martino il 24/07/2011 10:05
    Quando si tenta di dare all'analisi un senso analitico intelligente, c'è sempre qualcuno dopo che rimarca e che avrebbe voluto dirlo prima, l'ovvio...
    ma appunto è l'intelligenza e l'arguzia filosofica della vita che fanno divenire una persona eccelsa!
    La retorica è sinonimo di per se perdente, avere cartucce e una divisa appropriata per essere ritenuti cacciatori, non è di per se sinonimo di buona mira o attestato di benemerenza, soltanto è la platealità dell'hobby che si coltiva con i propri soldi!
    E dentro e ciò che abita le persone che deve uscire e non tutti ci riescono allo stesso modo!
  • il 23/07/2011 10:50
    Qualcuno, raramente succede, quando si specchia... vorrebbe prendersi a schiaffi!!!
  • alberto accorsi il 21/07/2011 22:30
    L'analisi (se non approfondita)senza sintesi, non è propedeutica all'azione ma piuttosto alla chiacchera, alla lamentela senza sbocco, allo sconforto.