username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Leggere, in fondo, non vuol dire altro che creare un piccolo giardino all'interno della nostra memoria. Ogni bel libro porta qualche elemento, un'aiuola, un viale, una panchina sulla quale riposarsi quando si è stanchi. Anno dopo anno, lettura dopo lettura, il giardino si trasforma in parco e, in questo parco, può capitare di trovarci qualcun altro.

 


1 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Dora Forino il 20/05/2013 18:20
    Condivido questo pensiero di Susanna Tamaro. Anch'io provo un piacere indescrivibile quando leggo un libro. Sento l'odore della carta, l'immaginazione corre...