username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ormai mi incuriosisce di più morire. Mi rincresce solo che non potrò scriverne.

 


10 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • massimo vaj il 30/05/2014 11:40
    In questa affermazione di Terzani c'è, nascosta, la ragione del suo scrivere che, però, non è stata soddisfatta: la certezza, che non ha mai avuto, sulla verità delle cose che ha scritto
  • massimo vaj il 30/05/2014 11:36
    E ti va di lusso, perché avresti dovuto riscrivere tutto quello che hai scritto da vivo credendo di aver capito le sacre scritture induiste, taoiste e buddhiste che hai interpretato come fossero religioni senza aver capito che sono visuali dell'unica dottrina universale ed esoterica, chiamata metafisica.
  • maria grazia il 26/08/2012 14:41
    la morte è un viaggio di non ritorno, peccato che nn si possa descrivere questa eseriena
  • Fernando il 13/03/2012 14:42
    Bisognerebbe pensare alla morte come un viaggio senza bagaglio per un posto migliore,.. infondo ovunque si dovesse andare, anche in nessun luogo è sempre meglio che qua. La curiosità è spontanea indiretta alla paura.
  • il 05/07/2011 15:03
    Per me Terzani era un grandissimo egocentrico.. credeva di essere il primo a morire nella storia dell'umanità.
  • paolo veronesi il 25/02/2011 12:57
    non c'è solo la morte fisica. e tutte tranne quest'ultima ci permettono di descriverla ma non di ritrarla come fosse una fotografia
  • Gianni Spadavecchia il 25/01/2011 18:41
    Già mancherà scrivere a noi poetixD
  • Virginio Giovagnoli il 17/01/2011 10:17
    Personalmente mi incuriosisce poco.
    Non è forse come dormire senza sognare.
    Speriamo ci sia un risveglio.
  • clem ros il 17/06/2010 15:53
    il fatto incurioscisce anche me. A dira il vero anche in maniera morbosa. Solo che non potendolo raccontare, mi passa la voglia.
  • il 16/04/2010 13:29
    Non sarebbe importante, perché ogni morire è diverso per ognuno, in dipendenza dei valori per i quali si è vissuti.