username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Frasi di Tommaso Campanella

Ti piace Tommaso Campanella?  


Pagine: 12

Le leggi son pochissime, tutte scritte in una tavola di rame alla porta del tempio, cioè nelle colonne, nelle quali ci sono scritte tutte le quiddità delle cose in breve.



E quanto intendo più, tanto più ignoro.



Tutto il genere umano, non solo questo o quell'individuo, è tenuto a dedicarsi alle scienze.



Nessuno domina a sé solo, e a pena un solo ad un altro solo signoreggia. Il dominio dunque richiede unità di molti insieme, che si dice Comunità.



Gabbia di matti è il mondo.



Signoreggia per natura chi precede di virtù; serve per natura chi manca di virtù; dove si fa il contrario è dominio violento.



Assai sa chi non sa, se sa obbedire.



Il dominio naturale ha la Comunità naturale; il violento, violenta.
Più naturale è il dominio e la comunità dove il bene è più comune a tutti: e violento è più, dove è manco comune.



Io nacqui a debellar tre mali estremi: tirannide, sofismi, ipocrisia.



La nuova filosofia parte dal mondo, il libro di Dio.





Pagine: 12