accedi   |   crea nuovo account

Il se

Un attento esame di coscienza ci fa capire che, non sono gli amici ad abbandonarci, ma le proprie capacità, o se vogliamo lavarci le mani, la musa che più non c'inspira.

 

4
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ivano Boceda il 10/03/2012 10:18
    Il tempo grande scultore, ha efficacemente sintetizzato una grande scrittrice. Nel tempo e per il tempo noi cambiamo, cambiano i nostri interessi e le nostre capacità, cambiano le nostre relazioni, i motivi e le occasioni dei nostri rapporti con gli altri. Qualcosa si acquista e qualcosa si perde, è un movimento continuo, non è colpa di nessuno

4 commenti:

  • Anonimo il 13/03/2012 22:25
    Già, in un certo senso hai ragione. Mi sono sempre chiesto una cosa, sin da quando ero piccolo: perché si dice "ho un amico" e non "sono amico"?
  • tylith il 11/03/2012 23:45
    Ci siamo Don, anche se a volte possiamo sembrarti lontani, prendi Ivano ad esempio, non manca quasi mai e anche Vincenzo e anche Gianni, sono davvero sempre in prima linea. Meno male...
  • Vincenzo Capitanucci il 11/03/2012 10:56
    Gli amici... in questo caso... dovrebbero stare più vicini... ma non è il Tuo caso Don.. vai alla Grande...
  • Gianni Spadavecchia il 09/03/2012 16:43
    Io non voglio lavarmi le mani, penso sia colpa mia se un amico mi abbandona. Anche se è colpa sua, bè se è importante facciamo che non è colpa di nessuno.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0