PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La casa

Nella mia casa c'è di tutto. Il bene e il male. Il male nel grande disordine; il bene nei miei fogli scritti. Nella mia casa ci sono io ma non ricordi. Apro sempre le finestre, svariate ore al giorno, perché se ne escano. Nella mia casa c'è odore di sapone e di piante e di una strana sospensione, sembra sempre che si appropinqui un passo, ma questo non accade. Nella mia casa c'è solo apparente silenzio, ma se si ascolta attentamente c'è un respiro che non smette mai.

 

4
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • rea pasquale il 11/03/2012 20:19
    Le tue parole mi hanno dato un autentico piacere. Queste poche parole esprimono molto di ciò che è possibile pensare.
    Per quanto la nostra vita possa sembrare insoddisfacente e determinata da aspetti apparentemente razionali, tuttavia porta con sé tutte le possibilità di mutamento di cui l'uomo è capace.
    un saluto

7 commenti:

  • rosaria esposito il 11/04/2012 21:20
    non è che, per caso in casa, c'è un fantasma...!?
  • Anonimo il 30/03/2012 02:59
    Debbo dire che queste poche ed eleganti righe, mi inducono, per estremo contrasto, al commento. La mia casa infatti è quasi sempre chiusa, disordinata e polverosa, vi regna insomma una colpevole incuria, dentro e fuori. La mia vicina di casa mi ha raccontato di aver pescato un gruppo di ragazzini che lanciava sassi contro di essa. Li ha rimproverati e ha chiesto loro perchè lo facessero. "La casa è disabitata" hanno risposto loro, "non c'è mai nessuno e non è la prima volta che veniamo qui a tirare sassi. È la casa delle streghe". Mi sono detto anche un po divertito: "Ecco cosa vuol dire non averla tinteggiata, non aver tagliato l'erba da mesi, lasciato le erbacce sul marciapiede d'entrata". Tuttavia debbo aggiungere che questo stato d'abbandono in questo periodo di inizio primavera è sorprendentemente bellissimo. Infatti le erbacce e le piante che non ho mai curato sono di colpo fiorite e i colori di stagione ci sono tutti e sono forti, rendendo il contesto la tempera di un pittore dalla mano felice. Tanti saluti e scusa della disgressione.
  • Anonimo il 15/03/2012 14:19
    come ha fatto a sfuggirmi questo? Bellissimo, vero, davvero condivisibile!
  • Luana D'Onghia il 11/03/2012 20:58
    Nella tua casa non può esserci il male, per il semplice fatto che vi ci abiti tu. Bellissima frase, molto poetica.
  • Gianni Spadavecchia il 11/03/2012 20:46
    Un respiro che non smette mai. Una casa accogliente ed inquietante nello stesso tempo.
  • Anonimo il 11/03/2012 18:00
    forse, per quanto tu apra le finestre non tutti i ricordi sono usciti via... il respiro che si avverte nella tua casa... è un sospiro di vita, è il sospiro delle piante...è sospiro dei ricordi... è il tuo sospiro... mi è piaciuta molto Morry...
    ps queste sono le mie sensazioni... scusami
  • loretta margherita citarei il 11/03/2012 15:49
    nella tua casa c'è la vita, molto profondo complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0