PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Speleologia interiore

Ali di cera? Sono fuori moda, ormai. Preferisco costruirmi una bella trivella di pasta frolla, per scavare nelle più incoerenti profondità dell'animo umano, fino a uscirne distrutto. Infine, un allegro inconsapevole passerà di lì per caso, e ripulirà tutto mangiandosi i resti.

 

9
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 22/03/2012 08:11
    Salire... scendendo...è la nostra via... come Talpe... verso cieli interni...

    Bravissimo Alessandro... un allegro... inconsapevole... si svelerà...
  • Anonimo il 21/03/2012 16:45
    ale profonda introspezione ma molto sentita e bella...
  • Don Pompeo Mongiello il 16/03/2012 18:55
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua triste ma bella assai!
  • Anonimo il 16/03/2012 18:21
    Mmmmmmh... Pasta frolla... Sì, sì, sicuramente meglio delle ali. Le prime le compri, le usi una volta e le butti via, la pasta, invece, te la gusti ogni volta che vuoi... Ed è sempre un piacere.
  • Anonimo il 16/03/2012 15:50
    Non è facile esplorare le nostre incoerenze interiori. Lo hai ben espresso. Bravo!
  • Elisabetta Fabrini il 16/03/2012 13:04
    Un amaro viaggio nelle grotte del'anima...
    Bravo Alessandro!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0