accedi   |   crea nuovo account

La Storia

Quel 19 luglio del 92 stavo su una spiaggia della città a prendere il sole col mio libro di macroeconomia a poche centinaia di metri dalla Storia. Un lontano boato e poi gli elicotteri. Un disastro che avrebbe cambiato qualcosa nella coscienza di un popolo. La consapevolezza che se uno stato non protegge i suoi uomini migliori è uno stato marcio. Il futuro sarebbe stato la lunga notte nella quale ancora siamo smarriti.

 

9
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Andrea Pezzotta il 05/05/2012 10:04
    Come non concordare? la buia verità che molti ancora non vogliono accettare...
  • Anonimo il 05/05/2012 09:42
    Questa è la verità..
    atroce ed innegabile..
    ma è sempre bene ricordare..
    Sono con te vincenzo

3 commenti:

  • Anonimo il 05/05/2012 19:16
    "La consapevolezza che se uno stato non protegge i suoi uomini migliori è uno stato marcio."
    Condivido ogni tua parola.

    Bravo Vicenzo.
  • Anonimo il 05/05/2012 11:32
    Certo che se una parte dello "SS"tato ha contribuito ai fuochi d'artificio... la consapevolezza che non solo protegge, ma condanna per convenienza non aiuta l'identità italiana
  • Anonimo il 05/05/2012 09:56
    Lo stato è uno stato che non è stato e forse non sarà mai stato.
    Lo stato non può essere guardia e ladro, contemporaneamente.
    Falcone e Borsellino, prima l'hanno osteggiati perché facevano il loro dovere e perciò davano fastidio e poi li hanno, ipocritamente, acclamati come eroi.
    Hai ragione tu, siamo in una notte lunga e buia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0