username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La scrittura

Scriviamo. Per celebrare l'amore e l'odio, la bellezza e il pathos. Nell'intimo degli uomini c'è qualcosa che li accomuna, pulsioni che a volte rendono simili i loro scritti, la grande anima del mondo. L'uomo scrive perché ha paura della morte, per esorcizzarla. In questo senso la scrittura è simile al sesso o al collezionismo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • rosaria esposito il 10/05/2012 21:46
    l'uomo che scrive lo fa per compulsione, e spesso manco lo sa, e se lo sa finge di non saperlo, e non si vergognerebbe di affermare, se interrogato, che c'è un omino verde, che nottetempo gli dice : Scriv' e' capit'..? e in questo senso è perfettamente simile al sesso e al collezionismo...
  • Anonimo il 10/05/2012 13:45
    Per quanto mi riguarda, scrivo per me ma nella speranza ( vana ) che qualcuno possa condividere. Naturalmente la scrittura non è vita, è un'appendice, un'astrazione, qualcosa di cui potremmo fare anche a meno qualora tornassimo in mezzo alla natura e non fossimo chiusi tra quattro squallide pareti di casa, davanti ad un inutile schermo a colori; dunque, la ricerca del sesso può essere più appagante
  • Rocco Michele LETTINI il 10/05/2012 09:13
    La scrittura è ritrovare il nostro sereno rubato... il nostro amore... la poesia del nostro animo...
    Condivido il Tuo mirabile aforisma...
    VINCENZO

11 commenti:

  • Donato Delfin8 il 02/09/2012 22:41
    che dizi di farti una sveltina in rima?
    ehi tutti fazziamolo strano ah bè
    partecipate all'opera sul mio profilo zu zu a prestolo
  • vincent corbo il 13/05/2012 09:28
    Paura della morte a livello inconscio. Hai presente i vecchietti novantenni che cercano l'anima gemella? Credo sia anche quella paura della morte..
  • mariateresa morry il 13/05/2012 09:07
    Chi mi ha preceduto ha scritto diverse cose che condivido. Anch'io scrivo per la pura esigenza di esprimermi, alla morte o al suo esorcismo, non ho mai pensato. Anzi, direi il contrario, accettando inesorabilmente la morte, lascio una testimonianza del mio passaggio su questa terra, sperando sia tale. Scrivo perchè sono come una spugna, assorbo la realtà, la elaboro e questo mi spinge a " restituirla" nella mia versione interiore. Come Paola anche io giro con taccuino e annoto le idee che mi passano per la testa. Scrittura e collezionismo? non vedo il nesso, nel mio caso poi non ho mai collezzionato nulla. Scrittura e sesso? Ammetto che la prima, a volte, è in me una necessità più marcata- Grazie di averci fatto fare questa riflessione, Vin.
  • Gianni Spadavecchia il 11/05/2012 17:42
    La scrittura, guidata dall'anima o dal cuore presi da passione.. La scrittura interpreta ogni forma pensiero a mio parere.
  • Anonimo il 10/05/2012 18:05
    Io scrivo per me, solo così riesco ad esprimere i miei pensieri, le mie sensazioni. Ogni volta che sento un'emozione sento l'impulso di scrivere (sul cellulare, sul quaderno, sul pc ecc..)e mi piace comunicarlo agli altri, come posso e come so fare, naturalmente. È stata la mia compagnia da sempre... e mai potrei fare a meno. Mi capita spesso di scrivere stando in mezzo alla natura, o quando mi trovo in certe situazioni... il taccuino l'ho sempre con me.

    Concordo con il tuo pensiero Vicenzo.
  • Anonimo il 10/05/2012 14:35
    Io non ho mai pensato al motivo per cui scrivo. So che mi piace farlo; a volte perché mi diverte; a volte perché mi piace comunicare agli altri le mie impressioni; a volte voglio soltanto suscitare delle riflessioni.
    Ma tra la scrittura e il sesso preferisco il sesso... non sempre scritto, anche orale!
  • Donato Delfin8 il 10/05/2012 12:35
    ahh capisco da dove viene l'astinenza dello scrittore
  • Anonimo il 10/05/2012 09:39
    Penso sia vero quello che dici. Magari non ci si pensa quando si scrive, ma noi lo facciamo per non morire. ***** Franco
  • Anonimo il 10/05/2012 09:09
    Uhm, condivido in parte la tua riflessione, caro Vincenzo. Io scrivo non so perchè, senza dubbio non per me, non sento il bisogno di mettere per iscritto quello che penso provo, perchè so quello che penso o provo da me, senza doverlo per forza leggere su un foglio bianco. Scrivo per gli altri, forse.
  • Anonimo il 10/05/2012 08:55
    o alla vita... nho?!
  • Anonimo il 10/05/2012 08:41
    Condivido, caro amico

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0