PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quelli che san tutto loro

Spesso mi trovo in difficoltà, su questo ed altri siti, nel discutere con altri autori. In particolare, mentre io sono sempre ben conscio della mia cultura parziale e particolare, altri sembrano invece convinti che la loro sia completa ed insuperabile. E altrettanto la loro logica ed intelligenza. Così, mentre io dico secondo me, loro dicono secondo Sapienza, con la maiuscola. Che non abbian mai letto Socrate o Galileo?

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 17/05/2014 01:20
    No, penso che non li abbiano letti. Anch'io come te so di non sapere nulla!
  • Marco Ambrosini il 23/05/2012 18:44
    Già insopportabili grammatici o falsi intelletuali che ci sgridano per errori umani, ignorando totalmente il significato dei nostri scritti.. a loro sembra interessare solo la forma e questo è avvilente per uno scrittore

10 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 01/05/2013 19:53
    "Saper di non sapere... è la vera saggezza"... ancor più se potenziata, a tuo dire, in un tuo commento, dall'opinione di tua moglie!
  • augusta il 30/06/2012 11:04
    d'accordissimo...
  • Mauro Tavano il 11/06/2012 18:43
    bella Mauri. Condivido.
  • Ugo Mastrogiovanni il 30/05/2012 15:01
    Dimmi che non ci sono anche io in quest'elenco! Socrate l'ho letto, Galileo molto meno.
  • stella luce il 17/05/2012 23:08
    Mauri come ben sai, io credo di avere ancora tante cose da imparare, penso che il conoscere sia infinito e non abbia mai una vera fine... per cui nella mia ignoranza diffido sempre di chi tutto sbandiera, tante volte per mascherare il fatto che non riescano a vedere la semplicità delle cose... ma lo rispetto...
  • Anonimo il 17/05/2012 20:09
    Sono d'accordo. Basterebbe avere l'umiltà di accettare il diverso da noi senza cercare d'incasellarlo all'interno della nostra cornice di giudizio, spesso legata al tipo di cultura o di esperienza che abbiamo e che consideriamo definitiva per tutti, quando nessuna cosa può essere considerata definitiva e valida per tutti, almeno secondo me.
  • Anonimo il 17/05/2012 19:24
    sono in accordo con il commento di karen... ed aggiungo che l'umiltà è segno di intelligenza... quindi Mau non preoccuparti e quando incontri queste persone... fai come me... se posso permettermi... non dar loro più di tanto... un abbraccio
  • mariateresa morry il 16/05/2012 16:45
    Consolati Mau... da me vengono i clienti con fotocopie di pagine tratte da internet dicendomi " Avvocato questo è il mio caso, guardi la causa è vinta!".. Eccerto io sono 3o e più anni che mi trascino per tribunali, ma loro sanno tutto grazie a internet. I tempi odierni sono questi: conta la mera opinione, il proprio convincimento, la saccenza. C'è un detto venexiano che per decenza non posso scrivere, ma che rispecchia perfettamente gli ammalati di sicumera. Personalmente non ho mai visto in giro tanti ignoranti saputi come in questi ultimi anni!!
  • Sara il 15/05/2012 22:20
    Coloro che giudicano il tuo modo di scrivere cercando di estirpare dal pensiero che hai esposto qualcosa di indefinito non sanno cosa tiene veramente ciò che scrivi, ma sarai solo tu a capirne il vero significato del tuo pensiero.
    Quindi se le persone si reputano tanto intelligenti per quanto riguarda il loro modo di scrivere un pensiero... lasciali fare... non sono problemi tuoi.
    Guarda oltre e non fermarti mai.
    Essere dei bravi scrittori non è indice di sapienza, ma di animo, fronteggiando vari punti del nostro essere e poterlo mettere su carta.
  • Donato Delfin8 il 15/05/2012 21:32
    Commenti inseriti nell'opera postata come poesia :

    Vincenza Bartolotta il 15/05/2012 11:42
    Anch'io molte volte ho notato questo atteggiamneto. Bisognerebbe rappportarsi con gli altri con più umiltà e più semplicità, senza puntare il dito accusatore e senza ghettizzarli, perchè ognuno di noi ha da dire qualcosa, esprimere qualche sentimento, dovuto ad esperienze personali, che spesso non viene recepito da chi ci legge o ci ascolta. A volte c'è la presunzione di sapere o conoscere di più, atteggiamenti dovuti a tanto e, spesso vuoto, nozionismo che nulla hanno a che vedere con l'arte che può nascere spontanea anche nel più umile degli uomini. Ciao

    Rocco Michele LETTINI il 15/05/2012 11:14
    Nessuno ha mai condannato il Tuo esprimerTi... anzi molto plaudono i Tuoi verseggi... firmati con acuta personalità artistica...
    Nessuno è inferiore a l'altro... credimi Tutti sono con Tutti... la poesia ha un cuore che pulsa...
    CIAO MAURIZIOOO!!!

    Donato Delfin8 il 15/05/2012 19:20
    Eh bè Maurì nessuno è perfetto


    Anna Rossi il 15/05/2012 17:25 [segnala un abuso]
    non ti curar di loro ma scrivi e... passa (oltre)

    Alèd il 15/05/2012 14:55
    Che strano questo commento che ci porta a riflettere un po'... ma è gia dimenticato

    Mara Zanetti il 15/05/2012 14:43
    Credo che non c'entri l'intelligenza o la cultura parziale/totale... Quello che manca spesso è l'umiltà, che non ha nulla a che fare con il "perbenismo" o la cortesia "costretta". È il discutere, magari anche animatamente, ma sempre con quel minimo di rispetto, sia per chi ha introdotto il pensiero, sia per chi lo controbatte. Poi, se non ci i trova d'accordo, oh, c'è chi la pensa in modo chi in un altro... Finita lì, l'importante è non aizzare al litigio, che è diverso.
    Comunque, bel peniero maur, ma che non ci sia sotto, sotto un filo d'ironia in ciò? (parlo per il tasto sbagliato...)

    Vincenzo Capitanucci il 15/05/2012 11:04
    l'unica cosa che so...è quella di non sapere... eppur la verità si muove... in un continuo confronto di idee... superando le barriere delle opinioni personali...

    Bravo Maurizio...

    Teresa Tripodi il 15/05/2012 10:49
    "so di non sapere"caro Maurizio... i sottuttisti... bhe quelli sanno già tutto... lascia perdere e gente circoscritta... chi non sa o sa quello che sa puó sempre continuare a conoscere a capire e a comprendere... i paletti servono per essere scavalcati dal proprio pensiero dal fatto che il limite della conoscenza ba sempre superato... cime il progresso ovvero sempre secondo me ( che sono una terra terra e con tre metri di buccia sulla schiena) una somma sottratta... il risultato che si ha dalla bellezza che rimane nel mettete s disposizione degli altri le proprie scoperte in maniera da farle crescere... non ti dar pensiero fumaci su se non fumi bhe allora inizia a fumare ( scherzo) e poi smetti subito dopo

    - Giama - il 15/05/2012 10:17
    Mi fa ridere, a volte, leggere qualche commento preso pari pari da Wikipedia.
    Non so se sia, per chi commenta in questo modo, un piacere far credere di se qualcosa che non sia...
    In passato specialmente, ho avuto modo anche io di "scontrarmi" con qualcuno di questo genere: non è stato uno scambio appagante e ancor meno costruttivo.

    W la cultura parziale e soprattutto quella particolare, caro Mau, perchè sicuramente è molto meglio dell'ignoranza generale!
    Grande Mau!
    Ciao ciao

    Elisabetta Fabrini il 15/05/2012 10:12
    Tutti facciamo errori, più o meno grossolani... ci vorrebbe come al solito più consapevolezza di chi siamo e più umiltà, come dice Vilma. Ammiro chi si crede infallibile, io senza dubbio non lo sono!!

    karen tognini il 15/05/2012 10:11
    Dovremo chiederci se siamo noi per primi a credere di sapere sempre tutto...
    si tende sempre a giudicare gli altri ma non noi stessi...

    questa è la differenza tra ignoranza e intelligenza... tra umilta' ed arroganza...
    sono pochissime le persone che usano il loro sapere in maniera tale di non farlo pesare a chi sa meno...

    Ciao Maurizio...

    Chira il 15/05/2012 10:06
    Caro mauri!... e anche se non avessimo letto Socrate e Galileo?! Io qui leggo qualche volta cose non con i semplici refusi che a colpo d'occhio si riconoscono, ma con reiterati errori di grammatica e sintassi eppure poeticamente espresse alla grande, almeno per me, per il mio modo di cogliere il sentire altrui. Riesco solo a pensare " che peccato " e null'altro. Comprendo la tua difficoltà.

    Vilma il 15/05/2012 10:01
    Tutto questo dipenda dall'educazione che si ha, non tutti ce l'hanno, e sopratutto quelli che ti sbattono il loro "so tutto" in faccia.
    I veri sapienti sono anche umili e sanno rapportarsi e confrontarsi con le persone, come è logico che sia
    Ciao Mauri e buona giornata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0