accedi   |   crea nuovo account

Sfogo

Voglio condividere alcune considerazioni in merito al sito Poesieracconti, perché penso ci possano essere altri utenti che, come me, si trovano a disagio senza riuscire a capirne il motivo. Mi sono iscritto quattro mesi fa, su suggerimento di una cara amica già frequentatrice sporadica. Non avevo mai scritto niente fino allora, anche se da tempo avevo desiderio di mettere su carta (mi piace ancora dire così, anche nell'epoca degli e-books) i miei ricordi e, perché no, anche qualche opera di fantasia. I miei primi scritti sono stati accolti molto benevolmente da lettori che mi hanno incoraggiato ad andare avanti, alcuni addirittura dichiarandosi affamati di mie nuove opere. Sono veramente molto grato a tutti costoro, perché hanno fatto sì che "prendessi il vizio", al punto che ormai non smetterei più di scrivere, tale è la soddisfazione che mi dà questo "gioco". Ho cercato, un po' alla volta, di imparare e seguire le regole stranissime del sito. Ogni volta che ricevevo un commento o una recensione andavo a leggermi qualche opera di chi mi aveva commentato e, se le trovavo interessanti, chiedevo o accettavo l'amicizia per assicurarmi di non perdermi i loro prossimi scritti. Se avevo qualche commento interessante e non banale da fare, lo pubblicavo, evitando di spacciare per recensione - come fanno molti - delle frasette come "Bella, mi è proprio piaciuta!", nonostante i 15 punti guadagnati invece di 2. Leggevo opere degli "amici" ma anche di sconosciuti, commentando soltanto, ripeto, quando avevo qualcosa da dire. In qualche caso ho fatto rilevare delle incongruenze o degli errori di italiano, molti mi hanno ringraziato per questo. Anch'io, del resto, ho accettato con piacere alcune critiche e in qualche caso ho dato dei chiarimenti scritti, con reciproca soddisfazione. Sono riuscito a non farmi arruolare nella guerra che si è combattuta fra certi autori (alcuni di loro, di un campo e dell'altro, presenti fra le mie amicizie), perché non l'ho capita e comunque trovata degna di miglior causa. Credevo quindi di avere, alla fine, imparato a nuotare in questo mare di parole. Ma probabilmente mi sono sfuggite delle regole non scritte, che devo aver violato, oppure devo aver mancato ad un imperscrutabile "bon ton", perché, da un po' di tempo, apparentemente, non mi legge più quasi nessuno, o comunque non mi si commenta. Non mi scoraggio certo per questo, ma mi dispiace. Qualcuno mi dice che questa situazione è tipica di tutte le communities internettiane. Sarà, ma il mal comune non mi dà il famoso mezzo gaudio.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

26 commenti:

  • PIERO il 29/09/2012 22:27
    Grazie ad Augusta e Carla.
    Allora questo testo resterà, su precisa richiesta dei lettori.
    Buona scrittura e buona lettura a tutti.
  • Anonimo il 29/09/2012 20:14
    nonostante sia un anno e mezzo ho scoperto alcune cose nuove del tipo i punti riguardo le recensioni... comunque hai fatto bene piero a pubblicare questi tuoi pensieri... che posso dire dopo il commento autorevole di Ugo e degli altri amici, ben poco... ma visto che ci piace scrivere scriviamo...
  • augusta il 14/09/2012 11:24
    non toglierlo... lascia.. ti prego è una lezione per tutti...
  • PIERO il 13/09/2012 22:42
    Grazie Ugo per il tuo commento, al solito molto cortese e puntuale. In effetti era forse un po' troppo presto per lagnarmi, ma ero stato troppo ben abituato dai risultati delle prime pubblicazioni. Adesso so che anche questa è una delle caratteristiche del sito: spesso i nuovi vengono "adottati" da scrittori che a volte sono - e altre credono di essere - degli utili maestri.
    Oramai il pezzo è un po' superato e a volte sono tentato di toglierlo, ma forse lo lascerò proprio per il valore dei commenti.
  • Ugo Mastrogiovanni il 11/09/2012 18:35
    Inizio dalla fine: "non mi legge più quasi nessuno, o comunque non mi si commenta"; e sei scritto da sette mesi, cosa devo dire io che lo sono da oltre 5 anni! E ne ho dati di consigli, privatamente e apertamente; ma ho avuto il vizio di dire la verità e... la verità offende, me lo diceva spesso il mio fu professore di greco. Purtroppo qui sono necessarie quelle che tu chiami <frasette come "Bella, mi è proprio piaciuta!">, se non le usi non sei gradito. Devo anche dirti che c'è chi, dopo averti letto, conscio delle sue possibilità, non lascia giudizi. Commentare non è facile, tu lo sa bene. Riconoscere e interpretare simbolismi, allegorie, analogie, metafore, accostamenti, sonorità, rime, terzine, ottave, ecc. ecc., anche se per molti uno svago, non è un comune divertimento. L'hai detto, siamo in un "mare di parole" e nel mare ci va solo chi sa nuotare (io lo odio, amo la montagna). Circa il tuo -imperscrutabile "bon ton-, non me ne parlare: Monignor Della Casa è quasi sconosciuto. Circa il tuo "desiderio di mettere su carta" è divenuto veramente una chimera. Io sarò uno degli ultimi a comunicare a distanza scrivendo ancora lettere a penna; mi sento giornalmente con mio fratello novantaduenne, ma ci scriviamo ancora settimanalmente. Ho corretto diverse bozze di romanzi e vi ho trovato persino abbreviazioni da sms ed e-mail! Sono contento di sentirti dire che scrivere per te è un piacere e che farlo qui è un "gioco", solamente così vi si può restare. Non badare alle recensioni che leggi. Recensione è un termine difficile; c'è quel "re" che spaventa, non il "censio"; quel "di nuovo" richiede tempo e impegno, e oggi nessuno ha tempo. Circa la "guerra che si è combattuta fra certi autori": è anche quello un modo di navigare in questo sito, non ti curar di lor! Finisco col dirti: ti prego di commentare sempre, non soltanto "quando hai qualcosa da dire", c'è sempre da dire, ma dobbiamo trovare il coraggio di essere sinceri, se poi non ci leggono, non importa. Ho espresso solamente il mio modesto e non infallibile pensiero, mio carissimo Pietro, buonaseta.
  • PIERO il 03/09/2012 17:39
    Grazie, in ritardo, a Chira, Anna e Augusto. Per fortuna gli ultimi commenti sono molto più seri dei primi, inutilmente provocatori, di GiacAmorino...
  • augusto villa il 29/08/2012 19:57
    Succede un po' a tutti... All'inizio c'è l'entusiasmo e il tempo... In questo periodo sono aumentate le preoccupazioni, è diminuito il tempo e pure l'entusiasmo... Alcuni hanno perso anche la voglia di scrivere... Se uno però ha questa passione... prima o poi riprende...
    Lo scritto è chiaro, ben scritto. Ciaooo!!!
  • Anonimo il 31/07/2012 15:53
    Caro Piero, io credo che si viva meglio se non si hanno aspettative preconfezionate. Anch'io ho iniziato da poco questa avventura, a dire il vero per vedere se il mio argomento (diario di un a.) suscita interesse. Ma a parte quest'oasi, ho la mia vita, la mia famiglia e tanto ancora. Comunque scrivi benissimo e ti ringrazio per la tua amicizia.
  • Anonimo il 09/07/2012 14:25
    Piero... la faccenda di quei punti la scopro ora con te! Non pensare a nulla, scrivi e basta: la cosa deve essere importante in primis per te. Il sito è un mare le cui onde vanno e vengono, a volte accarezzano la riva altre volte ristagnano di piatta calma ma è un gioco, come dici tu e se è tale non dispiacerti più di tanto. Ciao e buona scrittura.
  • augusta il 09/07/2012 12:32
    bravo vedo che hai capito e mi fa piacere... mai farti influenzare
    1 beso
  • PIERO il 08/07/2012 19:02
    Grazie, augusta, per il consiglio. È proprio quello che sto facendo.
    Il mio "Sfogo" era un onesto e sincero modo di interloquire con altri autori - a proposito del funzionamento del sito - senza voler né attaccare né offendere alcuno. Alcuni l'hanno capito. Un altro no. E ha perciò pensato bene di inondare questo mio pezzo - ed altri - di commenti assolutamente fuori luogo e senza senso. Addirittura ha criticato un mio pezzo senza neanche accorgersi che mesi fa l'aveva lodato. Pazienza, ognuno ha i suoi limiti. Quello che mi fa specie è che questo individuo è lo stesso che, subito dopo, ha avviato una larga indagine per scoprire come mai il sito va perdendo pezzi.
    Io vado avanti a proporre i miei raccontini senza pretese. Per fortuna i miei lettori più assidui sono tornati, e ne sono arrivati di nuovi. E anch'io ogni giorno scopro nuovi autori interessanti.
  • augusta il 08/07/2012 10:04
    detta brutalmente... fregatene di tutti e di tutto e continua la tua strada di scrittore... 1 beso...
  • PIERO il 18/06/2012 23:01
    Grazie per i commenti a Mauri e MariaTeresa.
  • mariateresa morry il 16/06/2012 15:11
    Leggo il tuo pezzo Piero e, a parte le solite prime donne che ingaggiano polemiche come se sapessero solo loro il come e il perchè, ti posso dire che hai ragione. La gente in genere scrive perchè vuole essere letta, più che prestare attenzione ai " pezzi" altrui. Me ne convinco anche sulla mia pelle. Ho scritto un brano a mio parere non male su Torino ( non male quanto a contenuto, certo potevo scrivere di più ma nn potevo nemmeno fare un romanzo..) eppure ho notato davvero pochi commenti. Il che non è detto che non venga letto, ma credo che alla fine costi impegnarsi per scrivere due righe di commento che non siano mere banalità. Di certo influisce anche il sistema, che stratifica continuamente cose e personaggi nuovi, cosicchè spesso si è portati a migrare in new entry. Io ho avuto un po' di vicende e non sono più presente come prima, ma l'occasione mi fa piacere per salutarti... Poi alla fine, leggiamoci senza criticarci troppo. Lo stile, il modo di essere è cosa personale. Se uno è riservato, tale resta e ha diritto di restare... A presto!!
  • mauri huis il 16/06/2012 14:51
    Che ci vuoi fa'? Questo è un sito di scrittori, mica di lettori. E mica per passione, eh, ma perchè non sanno proprio leggere. A commentare e chiacchierare invece se la cavano già meglio.
  • PIERO il 14/06/2012 23:25
    Non capisco, Amorina, perché ritieni così importante cercare di polemizzare ad ogni costo con me.
    Sei libera di giudicarmi senza conoscermi, ma questo non implica che io faccia altrettanto o che improvvisamente, per darti soddisfazione, diventi anch'io un "chiacchieratore da bar", di quelli che "c'è sempre qualcosa da dire, su tutto e su tutti"...
    Quanto alle tue supposizioni (sarai religioso certamente, ecc.) mi immagino le risate che si faranno quelli che mi hanno già letto e che quindi mi conoscono un po': non ne hai azzeccata una!
    Comunque, se leggerai i miei scritti mi farà piacere e anche le tue critiche saranno benvenute. Anch'io continuerò a leggere i tuoi racconti, se ne pubblicherai altri: alcuni dei vecchi li avevo letti e mi erano piaciuti.
  • PIERO il 14/06/2012 23:04
    Grazie a Vincenzo per il commento. Anche a me sono uscite due faccine al posto della parentesi finale.
  • vincent corbo il 14/06/2012 07:36
    Al posto della parentesi è uscita la faccina che strizza l'occhio..
  • vincent corbo il 14/06/2012 07:35
    Anch'io ho avvertito lo stesso disagio (vedi il mio "antipatia virtuale", comunque devo dire che mi diverte ugualmente l'attività in questo "porto di mare": e poi, amio avviso, è più importante il numero di letture che il commento. Con mia grande sorpresa ho scoperto che una mia poesia è stata recitata alla festa dell'unità di Asiago e altre sono state prese per fare compiti in classe. Sono rimasto veramente sbalordito.
  • Amorina Rojo il 14/06/2012 07:33
    Piero, se continui a dare più importanza alle virgole che ai punti fermi di uno scritto resterai sempre in superficie e non entrerai mai nel vivo delle problematiche. Mi dici che non conosci i termini di quella diatriba, che anch'io non conosco... ma vedi, fosse capitato a qualcuno che è nelle mie amicizie del sito avrei chiesto conto... tu mi ricordi quelle persone alle quali calza a pennello la frase: "né carne né pesce"... a proposito l'accento acuto va bene?... ahahah
    Vuoi restarne fuori ma vuoi esserne dentro, sarai religioso certamente, ma... in politica non ti sbilancerai mai... con le donne?... idem?... no caro Piero, io invece mi sbilancio eccome... un esempio... la tua frase " Leggo molto, ma commento (o recensisco) solo quando ho qualcosa da dire," è emblematica del tuo carattere.
    Ma cosa significa ho qualcosa da dire: dio bono, sempre c'è qualcosa da dire, sempre, su tutto e su tutti. E se invece non reputi il sito alla tua altezza allora escine... e comunque a mio avviso tu non sei assolutamente al di sopra della media degli autori, renditene conto... pertanto tu commenti poco e vieni poco commentato...è un principio di conservazione che vale anche per l'energia... che pretendi, di sovvertire le leggi della natura?
    Ora devo proprio andare e per qualche giorno sarò via... ma una cosa te la prometto: andrò a leggermi tutte le tue opere e per ognuna ti dirò quello che penso... e vedrai che per ogni scritto ci sarà una cosa che io penso in merito alla forma oppure al contenuto. Stammi bene... bacino
    P. S. ah... se mi dimentico di commentarti le opere che hai già scritto mandami un messaggio sul mio profilo... così mi sovviene.
  • PIERO il 14/06/2012 00:15
    Ad Amorina.
    Cara toscanaccia, intanto grazie per avermi definito ingenuo: lo ritengo - a 62 anni - un complimento.
    Non riuscirai però a trascinarmi sul terreno della polemica, non hai individuato i miei punti sensibili.
    Ti darò comunque volentieri alcune precisazioni.
    Essendo iscritto da poco, ed avendo pubblicato molto, ho inevitabilmente pochi punti.
    Recensioni ne ho fatte, ma cercando di impegnarmi un po' di più che per un commento.
    Leggo molto, ma commento (o recensisco) solo quando ho qualcosa da dire, altrimenti avrei fatto il politico.
    In genere ho qualcosa da dire quando leggo delle cose che mi sorprendono.
    Quasi mai sono delle poesie (la poesia dev'essere un po' come la Fede, non ho il "dono" né dell'una né dell'altra).
    Quanto ai racconti, mi piace che siano scritti in un italiano corretto, è un mio limite.
    Sono pochissimi, quindi qualche volta leggo anche gli altri.
    La guerra: nessuno mi ha tirato per la giacchetta. Sarei anche intervenuto volentieri si fosse trattato di una discussione, ma erano scambi di insulti, e il livello non mi interessava. E non conoscevo i motivi della contesa.
    Le idee le ho piuttosto chiare e nella vita mi sono sbilanciato anche troppo, pagandone dei prezzi salati. La vecchiaia (non oso dire la maturità ti regala il piacere di vedere le cose con più distacco.
    Se vorrai replicare, mi raccomando che ci siano "tutte le virgole a posto"...
  • PIERO il 13/06/2012 23:25
    Caro Luigi, il tuo commento mi ha fatto doppiamente piacere, perché ho scoperto i tuoi racconti. Per ora ho letto soltanto l'ultimo ("La mia vita ecc.", riconoscendomi anche in qualche passo, ma penso proprio che leggerò anche gli altri.
  • PIERO il 13/06/2012 22:26
    Grazie, Vera, per il tuo intervento. Le regole di questo sito sono davvero strane. Quando ho pubblicato "Legittima difesa" ho dovuto definirlo "poesia" (cosa che non è, ovviamente), perché come racconto non me lo accettavano. Ora con "Sfogo" ho provato a definirlo aforisma ed è andata bene. Mah!
    Sono andato a leggermi le tue ultime cose e ti ho lasciato un commento sotto "Attenzione, Italia!". Sono molto apprezzabili il tuo entusiasmo e la tua passione, certamente più che il mio disincanto e cinismo, che spero si vedano solo nei commenti e non nei racconti...
  • Luigi Lucantoni il 13/06/2012 22:21
    sono anni che frequento spazi virtuali di vario tipo, soprattutto forum, proprio perché soffro di solitudine, oltre che x il mio hobby di scrivere e sono giunto alle tue stesse conclusioni
    mal comune mezzo gaudio vale quando non si è soli, anche se ci si trova all'interno di una collettività
    sono arrivato alla conclusione che in rete si trovano bene 2 gruppi di persone: quelli che hanno già una vita quotidiana soddisfacente (per i quali la rete è solo uno svago in più e quelli che sono talmente fobici da accontentarsi del contatto umano virtuale
  • Amorina Rojo il 13/06/2012 20:32
    Deh Piero, ma quanto anni ch'hai, te? Si direbbe quindici, da quanto ingenuo gli è codesto pensierino.
    Parli di regole, di scambio di commenti... te tu 'un fai recensioni, solo commenti che contano due punti anziché quindici... deh, ho capito bene?
    E questo sarebbe un problema? Io che son sempre via e resto solo qualche giorno attiva c'ho quasi settemila crediti... ti rendi conto? Sai che vol dì?... parlo di numeri, non di opinioni... vol dì che te tu se' poco attivo, indifferente, per dirla tutta.
    Lo dimostra anche il fatto che parli di liti tra amici tuoi... io ne vedo solo dodici... quindi, escludendo alcuni che mi pare siano fuor d'ogni sospetto, restano alcuni che non scrivono più sul sito ed altri che si sono intiepiditi... e poi via, 'un è carino dire che non ti sei fatto tirare dentro la discussione, sembra che qualcuno ti abbia tirato per la giacchetta... gli è che te probabilmente 'un ti sbilanci mai, sei freddo e qualunquista, 'un ti vuoi sporcare le mani... insomma; Gramsci li definiva Indifferenti, pure Moravia.
    E allora tieniti questo sito di "morti", un sito nel quale, specialmente in narrativa, pare un cimitero. Tutti pubblicano e nessuno legge... i commenti poi... ahahah... ma per davvero, e che tu credevi?
    Comincia a prendere posizione invece, a dire come la pensi invece di scappare sempre... e allora vedrai che arriveranno i dialoghi... positivi, ngativi...è uguale, scambi di opinioni, comunque.
    Ti lancio una sfida: rispondimi per le rime, poi io controbatto, poi te tu mi replichi... deh, io son tosta e son toscana, con me è dura spuntarla... eccavoli, ma almeno provaci... e lascia stare se c'è qualche virgola fuori posto... eccerto, alla fin fine dovrai mollare perché le idee chiare te 'un ce l'hai... ma almeno risulterai simpaticamente umano... ahahah... bacino.
    P. S. Te tu vuoi scommettere che ora i commenti arrivano?
  • Anonimo il 13/06/2012 13:38
    Caro Piero, innanzitutto ti ringrazio moltissimo. Davvero, non sai il regalo che mi hai fatto. Perchè io, se sono presente su questo sito, non è solo perchè amo la poesia, ma anche e soprattutto perchè mi piace comunicare, soprattutto conoscere altri modi di pensare oltre il mio, ma non avevo capito che lo si potesse fare nello spazio destinato agli aforismi, alle frasi. Ora ne approfitterò senz'altro ed ogni volta ti rinnoverò il mio grazie. In quanto a te, ti leggerò tutte le volte che potrò: unico ostacolo potrà essere il poco tempo che posso dedicare a questa attività. Oggi comincio subito, cercandoti tramite "community". Ciao e... alla prossima. Vera

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0