accedi   |   crea nuovo account

Ossimori sensuali

Con casta concupiscenza le fissai il seno inavvertitamente scoperto dalla sua mano. Di molle solidità è il seno suo, che pargolo nutrì e bocca lussuriosa saziò.

 

7
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • rosaria esposito il 07/07/2014 20:20
    è da "Cantico de' cantici"
  • ernest il 14/06/2012 12:30
    secondo me è un aforisma sbagliato: questa è un'ottima poesia

2 commenti:

  • Grazia Denaro il 18/06/2012 21:27
    Concordo Con Voncenza Bartoletta, bella riflessione spesso le incognite attraggono, piaciuta!
  • Anonimo il 14/06/2012 15:18
    Bella. Sembra quasi di vedere una Madonna di Raffaello. ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0