PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sul Ring non si mente

l'eremita che cerca l'illuminazione dedicandosi esclusivamente alla meditazione, rifiutando il contatto con la gente comune;mi ricorda un vecchio che si credeva pugile, perché"diceva lui" aveva passato la vita a tirar pugni a un sacco.

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • massimo vaj il 04/07/2014 14:40
    Quando si è un eremita perché si la ritiene una condizione utile alla ricerca di un'illuminazione si è già creata una situazione che ostacolerà l'illuminazione, perché essa è la conseguenza della trasmissione dell'influenza spirituale trasmessa da un maestro. Quando, invece, si è eremiti perché si è scelto di esserlo essendo già stati illuminati allora si è un pugile che utilizza il proprio egoismo come sacco da riempire di pugni. Massimiliano ha scritto questa frase perché ignora cosa sia un eremita e, cosa ben più grave, l'illuminazione.
  • Rocco Michele LETTINI il 21/06/2012 17:41
    Sul ring non si mente... si pensa... e nel Tuo senno hai sottolineato il vero...
    BRAVO MASSIMILIANO

3 commenti:

  • massimo vaj il 04/07/2014 14:43
    Correggo un refuso:
    "La si ritiene una condizione"
  • Massimiliano Caldarone il 25/06/2012 00:46
    Forse luigi... dubito che lo scopriremo, ma credo che coloro che nascondono la testa a struzzo hanno meno possibilità, ma è vero anche che gli struzzi non nascondono mai;la testa sotto terra. basta osservarli per scoprire che anche questa idea è erronea! ma...
  • Luigi Lucantoni il 24/06/2012 22:52
    trovo che l'illuminazione non sia tanto un intuizione conoscitiva, quanto piuttosto un traguardo di estraniamento dai mali della società

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0