PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Su questo sito

Una volta io ero un centurione romano, che mostrava però il suo vero volto, ed ognuno di noi aveva la sua immagine immediata, d'allora di tempo ne è passato tanto, che un piccolo ruscello, fiume è diventato; ma siamo solo dei puntini ancora e tutti uguali. Chi ha voce in capitolo si faccia sentire!

 

3
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • andrea il 26/07/2012 17:37
    in effetti ormai siamo tutti un po' cloni e non solo in questo sito, sembra che l'essere originale sia una moda d'altri tempi, oggi si gioca a copiare, sono d'accordo con te, saluti

7 commenti:

  • Anonimo il 26/07/2012 15:23
    Hai proprio ragione: stiamo diventando troppo uguali e in troppi. Assetiamoci di autenticità e non ci facciamo manovrare da chi ha molto interesse a farlo.
  • Mario Luigi il 26/07/2012 13:15
    Bella ed interressante come poesia, direi interressante ciao
  • Anonimo il 26/07/2012 11:22
    hai ragione Don... possibile che non si possa far nulla??? sono con te...
  • Vincenzo Capitanucci il 26/07/2012 11:13
    Capitolando... bravo Don...
  • Rocco Michele LETTINI il 26/07/2012 10:54
    Rimpiango i nostri volti... tanti l'hanno reclamato... ma qualcuno lo ignora...
    SONO CON TE DON POMPEO
  • silvana capelli il 26/07/2012 10:44
    Oggi è tanto difficile, una volta era uno solo, oggi di centurioni ce ne sono tanti e schiacciano i puntini che sono rimasti.
    cordiali saluti.
  • Ellebi il 26/07/2012 10:16
    In effetti era comoda quella immagine che in un attimo identificava colui che si cercava.
    Un saluto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0