accedi   |   crea nuovo account

Lingue sfrenate

Sono scesa nei sotteranei del pensiero e vi ho giocato negli spazi liberi della mente. Con equilibrio vi ho raccontato l'intimità e piccoli acconti di particolari eccitanti ma, vi ho avvertito sfacciataggine, inquetudine, curiosità, dietro a trincee di vergogna e pudore. Allora ci mettiamo come le comari d'un tempo, a spiare fra le fessure delle imposte, soffocati dal giudizio di lingue sfrenate, che c'inducono al silenzio, sotto mentite spoglie.

 

2
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • augusta il 06/09/2012 11:08
    bellissimo viktor... come tylith i tuoi commenti mi lasciano sempre a bocca aperta... grazie... e tu luana... di una simpatia eccezionale
    l'ironia è in te.. senza ombra di dubbio... e sempre come dice tylith... sono d'accordo... sei molto colta... 10000000000000000 besos
  • viktor il 05/09/2012 20:28
    Ci saranno sempre persone moraliste che mostreranno la loro vergogna per qualcosa di cui hanno paura o peggio invidia. E in fondo come disse quel tale "l'invidia è la forma più sincera di adulazione". Quindi continua le tue danze e balla come sempre hai fatto e se ti accorgi che ti spiano o peggio ti dileggiano allora tu balla più forte. Perché tu balli e ti diverti loro stanno fermi e se rodono )))). P. S. nei sotterranei ci sono sempre nascosti dei piccoli tesori apri quegli scrigni e gioca felicemente con essi.
  • Luana D'Onghia il 05/09/2012 20:02
    E tu lasciale parlare: vedrai che a furia di farlo, le cadranno la dentiera, o peggio, si morderanno la lingua da sole.
  • augusta il 04/09/2012 15:53
    carissima tylith tu dici... che le vecchie comari siano passate di moda... cmq grazie del tuo sempre attento e molto dentro a questa mia... che come sempre non sbagli un colpo... 10000000000000000000000000000000 besos
  • tylith il 04/09/2012 14:09
    Un vano tentativo di cambiare stile e scrivere con pudicizia? No Augusta, la tua poesia è piena di forza e chi la legge ne è attratto o respinto. Non ci sono vie di mezzo e non c'è più spazio per il finto pudore. Le vecchie comari sono passate di moda come i pantaloni alla zuava! un bacio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0