username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

tu che sei

Lasciando il cammino libero da ogni figura perversa lo scaltro lettore ambiguamente si congeda.

 

2
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 16/04/2013 07:57
    un bel addio... da Giovanni il longo-bardo...

7 commenti:

  • Lorenzo Brogi il 01/10/2010 16:20
    barvo Giova... mi è piaciuta e ti dirò mi piace anche la tua sincerità nel commentare... ciaoooooo
  • Fred Marine il 17/05/2009 21:28
    Sì, come no...
  • Anonimo il 18/04/2009 20:36
    fantastico! sei ironico, sottile, pungente quanto basta.
  • Giovanni Conti il 10/04/2009 19:29
    Si, con i commenti capita di non capire bene il destinatario e finire per rivolgerli a se stessi. Penso che possa capitare a tutti.
  • Giovanni De Lombardis il 08/04/2009 10:57
    Non capisco... ma credo che tu sia un egocentrico... si.. parecchio.. rispondevo alla paranoica ""roccia"" rispondevo ai messaggi violenti che mi ha spedito dove io avviamente, auguravo a sua madre quello che lei augurava a me, solo per aver commentato con onestà il suo schifo di scritto.
    Saluti
  • Giovanni Conti il 06/04/2009 14:27
    Rispondere così non ha senso. io ti ho chiesto il NESSO tra titolo e opera, al massimo quel TU a chi è riferito, non chi ci sarà. e se non hai risposto a me ma a michela, è sconveniente lo stesso.
    Riusciresti una volta a rispondere coerentemente e senza insulti?
  • Giovanni Conti il 02/04/2009 17:08
    è un concetto condivisible, che spiegato in molte meno parole capirebbero meglio tutti. Iol titolo però non lo riesco a capire, non vedo pù che altro il nesso.