PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non mi resta che un bisturi

La cultura di massa ci ha resi insensibili alle forme più antiche e autentiche di comunicazione, è per questo che nemmeno con la scrittura ho saputo mostrare i miei sentimenti più profondi alle donne che ho desiderato o amato. La solitudine ci rende poeti, più di tutto il resto.

 

3
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 02/10/2012 07:25
    Encomiabile aforisma... in un periodo di chiusa incantevole nella sua verità... IL MIO ELOGIO E IL MIO BUONGIORNO LUIGI

4 commenti:

  • Anonimo il 02/10/2012 14:49
    La solitudine rende sfigati più di tutto il resto. A meno che non sia una scelta personale.
  • Anonimo il 02/10/2012 12:48
    La solitudine non è veramente tale se ci fa incontrare noi stessi e ci rende più sensibili nei confronti delle tante solitudini che ci circondano, soprattutto quelle più nascoste. Benedetta sia quando "ci rende poeti più di tutto il resto".
  • stelsamo il 02/10/2012 11:43
    È proprio vero! La poesia offre la possibilità di comunicare in modo alternativo, essa rappresenta infatti, la voce dell'anima! Spesso, chi si sente solo, perché inascoltata è la propria voce, riesce ad esprimere le proprie emozioni, proprio attraverso la poesia!
  • rea pasquale il 02/10/2012 07:29
    La motivazione la condivido completamente.
    Magari bastasse la solitudine per renderci poeti.
    Ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0