PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Gli Atei

Gli Atei, hanno un credo che li guida sempre, ogni giorno;come una fede per i Cristiani. Loro questo credo lo ripongono in se stessi, hanno fede nelle proprie capacità, nella propria vita.. Gli Atei hanno fede in loro stessi, per questo non hanno bisogno di credere in Dio.

 

l'autore Gianni Spadavecchia ha riportato queste note sull'opera

Mi aspetto già critiche per questa mia considerazione, quindi sono pronto ad accettarle.


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 19/10/2012 17:10
    DI CRITICHE NON NE GRONDERANNO... È SAGGIA RIFLESSIONE LA TUA... L'UOMO È LIBERO DI GESTIRE LA SUA LIBERTA'... IL MIO ELOGIO GIANNI

12 commenti:

  • Donato Delfin8 il 20/10/2012 20:24
    pz pz : mi za che più che un aforismone sia una riflessssione

    perché postolarla come aforismolo.. boh! Mistero
  • Donato Delfin8 il 20/10/2012 20:22
    niente di nuovolo
    Aiutati... che Dio t'aiuta
  • stelsamo il 20/10/2012 10:19
    Il dramma è quando a causa delle congetture della vita e delle difficoltà che s'incontrano, viene meno la fiducia in se stessi. In quel caso son davvero guai! Comunque, complimenti per la riflessione.
  • vincent corbo il 20/10/2012 06:37
    Molto bello e incisivo il commento di Teresa che condivido e apprezzo. A Gianni rispondo che forse non basta avere fede in se stessi, anche se è un buon punto di partenza.
  • Luigi Lucantoni il 19/10/2012 22:48
    la tua perplessità Paola ricorda molto quella di certi leghisti che si dichiarano non razzisti, di credenti che ce l'hanno a morte con gli atei ce ne sono eccome
  • Anonimo il 19/10/2012 22:04
    Nessuna critica. Mi chiedo soltanto perché i credenti non ce l'hanno così tanto con gli atei!
    Se ateo è bello, ma statevene tranquilli e contenti... da soli!
  • Anonimo il 19/10/2012 21:58
    Infatti tutti i credenti che conosco vanno tutti i giorni a farsi raccomandare da Dio per trovare un lavoro, per non morire ammazzati per strada, pert non essere colpiti dai cataclismi, per non ammalarsi, per mangiare, ecc. ecc... mentre gli atei si danno da fare da soli sulle loro forze.
    Comunque la lingua batte dove il dente duole!
  • Luigi Lucantoni il 19/10/2012 21:37
    aforisma un po' restrittivo, da ateo non sono così ottimista, la mia posizione è dovuta anche alla diffidenza verso qualsiasi tipo di fede
  • loretta margherita citarei il 19/10/2012 20:04
    ho visto più cristianesimo in alcuni atei in spirito di fratellanza e carità che in mille cristiani, piaciuto
  • Anonimo il 19/10/2012 19:13
    Anche gli atei hanno un credo che li guida. Sì, gli atei hanno un credo, quello di se stessi, proprio come mi hai scritto nel commento alla mia poesia intitolata UOMINI. Comunque, il tuo è un'aforisma condivisibile e rispettabile, nel suo contenuto.
  • Teresa Tripodi il 19/10/2012 17:57
    Staremo freschi Gianni se tutti i credenti pensassero che arriva Dio vestito da super eroe e ti risolve i problemi... si un credente che un non credente fiducia in se stesso ne deve avere... la prova del nove: lanciamo da un grattacelo un ateo e un cristiano l'ateo si spiaccica e Dio salva il cristiano, no no... li dovrebbe salvare tutti e due se è Dio oppure si spiaccicano entrambi se Dio non esiste... non so se ho reso l'idea... in entrambi i casi esiste il rispetto per la persona dopo ognuno crede non crede beve vino fa quel che vuole, secondo me.
  • giuseppe il 19/10/2012 15:09
    Credere nell'esistenza divina, rende sicuri che nella morte, ombra cupa, misteriosa, che conduce, condurrà nell'oblio, mitica speranza, l'illusione che qualcuno ci consoli, ricongiungendoci ai cari.
    È un ancora la fede, sorretta dagli uomini, per le fragilità del vivere.
    È retta dagli uomini la fede, è come tale spesso inganna.
    Cresci, con un ideale imposto, dal martellamento psicologico, continuo pressante, fin da bambino, per poi, aperti gli occhi al mondo, con un filo d'intelletto scopri: che è solo l'amore, la vera religione, quando la compagna ti guarda, con gli occhi sognanti, guidandoti al mondo, di fantasie e rancori.
    Bellissimi pensieri, bravissimo, un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0