PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Guadagnare

Per la soddisfazione di guadagnare, molti lavorano tanto fino ad ammalarsi, poi si rendono conto che il guadagnato non basta nemmeno per curarsi.

 

6
7 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/04/2013 16:42
    Sono d'accordo con lei, Ugo. Sa quante volte, persino da ragazza, meditavo su quelle persone che lavoravano così tanto per la soddisfazione di quadagnare molto, trascurando altre cose, magari le più importanti.
    Vi è gente che fa molti sacrifici, per avere un domani più "sicuro". Così molti arrivano in vecchiaia senza aver goduto le cose più belle della vita e le voglio riportare una mia vecchia poesia "Basta un nulla" che diceva così:
    "... Ma è sufficiente un dolore alle ossa,
    un cedimento del cuore,
    un segno qualsiasi degli anni
    che trascorrono inesorabili,
    perché tutta la gioia svanisca.

    Le cose tanto desiderate sono lì,
    basta allungare una mano.

    Ma basta un niente,
    un soffio
    e si deve lasciarle per sempre.
  • Anonimo il 06/04/2013 07:54
    Caro Ugo, hai scritto una profonda verità su cui molto ci sarebbe da riflettere. Purtroppo succede quando il denaro diventa l'unico valore essenziale.
    Senza contare che molta gente muore ancor prima di ammalarsi e senza poter spendere nulla, neanche per curarsi o per divertirsi.
  • Rocco Michele LETTINI il 05/04/2013 21:43
    Il mio scrosciante UGO

7 commenti:

  • Anna G. Mormina il 29/05/2013 10:22
    ... strana soddisfazione il "guadagnare tanto", quando la vita ci propina ben altre soddisfazioni..., hai ragione Ugo, un abbraccio!
  • Antonio Balia il 22/05/2013 11:23
    Con lo sguardo fisso sul denaro: dimentichi della vita!!
  • salvo ragonesi il 01/05/2013 21:38
    sante parole, ma l'ingordigia umana non ha limiti la sete di denaro non li fa accorgere che poi non gli serviranno. più a salvarsi. giusta riflessione e condivido infatti io a 57 anni sono andato in pensione a godermi la famiglia e i nipoti. un sentito saluto
  • Fabio Solieri il 11/04/2013 07:14
    L'avaro è la persona più povera della terra. L'unica cosa positiva di chi lavora tanto... tanto è che lascia tempo alla moglie per consolare gli amici.
  • rea pasquale il 05/04/2013 20:58
    troppo giusto.
    un saluto
  • loretta margherita citarei il 05/04/2013 19:52
    condivido, anche il dalai lama ci ha scritto un belissimo pensiero, su questo argomento, complimenti ugo
  • Anonimo il 05/04/2013 19:25
    hai proprio ragione... tanto vale lavor meno e star bene di salute... un abbraccio caro amico sempre con stima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0