accedi   |   crea nuovo account

Ragioni degli aldilà.

I nostri avi hanno inventato l'inferno per dar sfogo al nostro impulso alla vendetta, il paradiso lo si è inventato per venire incontro a tutti gli altri impulsi negati in vita.

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Luigi Lucantoni il 26/07/2012 17:44
    ci sono frotte di credenti che non la pensano come te, le contraddizioni infinite che comportano le religioni sono fra le basi del mio ateismo
  • Anonimo il 26/07/2012 16:38
    Nulla è più anticristiano dell'inferno, se per cristianesimo s'intende la religione dell'amore... per i nemici! Ma le religioni che conosco sono tutte piene di controsensi, dei quali i devoti purtroppo non si accorgono, ben guidati in questo dai capi.
  • Luigi Lucantoni il 28/06/2012 02:52
    ci sono già i virus naturali, meglio non complicarsi la vita
  • mario durante il 27/06/2012 23:42
    Se ci paragonassimo a dei "robot" meglio "robot biologici o biomeccanici", tutte le idee, dogmi, morali, potrebbero essere dei "programmi informatici" per programmarci e chi non eseguisse alla lettera tali programmi sarebbe infettato da virus.
    Orbene, se fosse cosi, come la mettiamo?
  • Anonimo il 21/11/2011 01:29
    Ehi Luigi, mi pare che questa volta riusciamo a pensarla "quasi" alla stessa maniera sull'argomento... la differenza è che, secondo me, il paradiso e l'inferno sarebbero solo una delle tante favolette per imporre alle persone un insegnamento morale e spirituale quale il come comportarsi nella vita, e per far credere che ci possa essere qualche altra forma vita dopo la morte del corpo fisico, un'ipotesi che mi sembra ragionevole ed abbastanza sensata. Buon inizio settimana e stammi bene!
  • Giovanni Conti il 05/02/2009 00:26
    Complimenti, funziona ed è davvero originale. un'ottima analisi socio-antropologica.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0