PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso Marcel Proust (di V in Cap )

Non siamo forse lo stesso libro la stessa pagina la stessa riga la stessa parola la luce dello stesso dì-amante dalle infinite sfaccettature cambia solo la copertina... ed il vento che lo sfoglia... brrr che freddo...

 

5
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 26/04/2013 11:26
    NE LA RIFLESSIONE IL TUO ENCOMIABIL SEQUELAR... PENSIERO ESPRESSO MIRABILMENTE NE LA DELICATEZZA DEL TEMA...
  • Anonimo il 26/04/2013 10:04
    Profonda riflessione, espressa in modo davvero affascinante, su differenze ed elementi di profonda unione che sempre tutti noi, se fossimo saggi e soprattutto ci amassimo davvero, dovremmo avere presenti.

2 commenti:

  • gio porta il 26/04/2013 15:09
    Ognuno di noi interpreta ciò che legge secondo uno schema che è frutto di esperienze che condizionano, dando una personale chiave di lettura che può farci capire molto su di noi e la nostra interpretazione (del letto) è spesso un aiuto per essere a nostra volta "interpretati".
  • Anonimo il 26/04/2013 10:31
    bell'aforisma... Proust amava i libri pane quotidiano per tutti noi leggere era l'essenziale... hai saputo interpretare questo cocetto in modo magistrale... perdona invece il mio commento... forse non all'altezza del tuo scritto... bacione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0