accedi   |   crea nuovo account

Umanizzando il viso dell'anima ritrovai me stesso

Se la Tua anima venisse a Te presentandosi con gli occhi di una bambina implorante Amore e non con le vecchie immagini di inferno e paradiso apriresti subito le porte del Tuo cuore riconoscendo in quel fragile viso la luminosa dolcezza che abita nel Tuo corpo in eternità d'infanzia

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 28/04/2013 08:12
    Il grande merito del Cristianesimo è avere l'amore al centro di tutto, la sua assurdità è volerlo imporre coniugato con la fede nell'inferno, e inferno eterno, mentre parla perfino di amore per i nemici. Tu, Vincenzo, oggi, con i tuoi aforismi, con la dolcezza che ti è solita, di essa c'inondi, del potere risanante appunto dell'AMORE. Un grandissimo grazie.
  • Rocco Michele LETTINI il 28/04/2013 05:57
    SE L'ANIMA APRIREBBE AL CUORE LE PORTE DE L'AMORE...
    CHE NE SAREBBE?
    L'IMMENSO DI TUTTO... direi...
    FORGIATO AFORISTICO ECCELSO VINCE'...

1 commenti:

  • giuliano paolini il 28/04/2013 07:25
    C'e' qualcosa che si muove oltre i concetti a lato delle persone non riusciamo quasi mai a esprimerlo perché è oltre il significato delle parole di tanto in tanto capita che si riesce senza merito ma con grande onestà ad arrendersi e a puntare il dito verso di sé indicandoci come l'ostacolo che si pone tra le cose ed il loro scorrere naturale, in queste parole si respira la tua onestà, è come scoprire il vslore dell'amore cge non chiede niente perché sa che è tutto disponibile ed ogni presa poi lascua dentro come una sensazione di furto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0