PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ori traditi

Il nostro mistico lavoro senza lavarcene le mani è di togliere a Giuda i trenta pezzi d'oro che gli abbiamo dato

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Ora... come un buon Pilato... spengo il computer e scappo... lasciando due ,, per Charles... lol... Ci vediamo domani... il brutto è ... che sembra anche politica...


2
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 10/05/2013 18:00
    I giuda se li sono già spesi Vincè, alcuni l'hanno investiti all'estero, altri hanno organizzato festival in rosa e pizzi neri e a noi non c'è più rimasta neanche l'acqua per lavarci le mani!
    BuonA serata Vincè... ce l'hai qualche denaro da spendere?
  • Don Pompeo Mongiello il 10/05/2013 17:29
    Non si può sempre stare al computer, e con questo non aver la coscienza a posto. Ci sono altri doveri che ci chiamano spesso altrove. Comunque bravissimo!
  • Rocco Michele LETTINI il 10/05/2013 16:09
    AFORISMA BRILLANTE E REALE...

2 commenti:

  • salvo ragonesi il 11/05/2013 06:45
    Mi sà che è molto difficile torglieli tranne che con l'estorsione. può sembrare anche politicao forse lo è. piaciuta. salvo
  • Anonimo il 10/05/2013 16:14
    impeccabile... bravissimo vincè

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0