accedi   |   crea nuovo account

Passi e T'accorgi

... passi... e Ti accorgi... di essere rimasto nel profondo... un bambino... come se niente fosse cambiato dal Tuo primo aprirti in vagito di sguardo sul mondo... ancor oggi passi... davanti ai fatti della vita... con manine tese... a voler prendere e dare... con gioiosi occhi stupefatti... indifesi... e soli...

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

l'anima è sempre una eterna neo-nata...


5
4 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 06/06/2013 12:53
    Qui mi associo alla recensione del Linguanti, aggiungendo naturalmente i miei complimenti!
  • Anonimo il 05/06/2013 12:12
    Tanti neanche s'accorgono e tanti altri fanno finta di nulla, solo qualcuno di stupisce e si domanda ancora... e sono gli unici, per cui valga la pena di sperare ancora.
    Vincè
  • Nicola Lo Conte il 05/06/2013 11:15
    Parole toccanti espresse da un'anima gentile che non conosce lo scorrere del tempo, né si lascia da esso turbare né cambiare.
  • Anonimo il 05/06/2013 06:59
    Per fortuna a volte torniamo bambini, con la bellezza e le difficoltà di certe infanzie. COmplimenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 05/06/2013 06:14
    IL BAMBINO CHE È RIMASTO IN NOI PER RICOMINCIAR DA ALLORA UN CAMMINO DI SERENO...
  • Raffaele Arena il 05/06/2013 02:36
    La guardia va mantenuta sempre alta, ma questa sensazione che esprimi è l'essenza del senso del vivere con curiosità e gioia, come i bambini, appunto.

4 commenti:

  • Anonimo il 05/06/2013 09:14
    ... e tutto é più grande di te e non riesci ad abituarti all'idea di esser... grande... toccata nel profondo bella vincè una boccata d'aria pura
  • Gianni Spadavecchia il 05/06/2013 07:35
    Piaciuto l'aforisma.
  • rea pasquale il 05/06/2013 05:29
    Molte persone quando cercano di ricordare momenti felici, vanno a cercare nella loro infanzia o giovinezza, e a ragione, perché per realizzare la felicità, è necessario essere liberi, emancipati dalle paure e dalle speranze, questa capacità purtroppo si perde con gli anni e con le responsabilità. Questo però non vuol dire che non possiamo più essere felici, l'uomo ha sempre la possibilità di realizzare una nuova innocenza.
    Bravo
  • loretta margherita citarei il 05/06/2013 04:31
    rinascere con la purezza di un bimbo, uomo nuovo, piciuto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0